menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza: pedopornografia, la Polposta dell'Umbria a caccia di orchi su internet

Monitorati 359 siti pedo-pornografi, controllati numerosi internet point, arrestate 6 persone e 174 sono quelle denunciate

L’attività investigativa svolta dalla Polizia postale si è incentrata nel contrasto del commercio illegale di materiale pedo-pornografico realizzato con lo sfruttamento di minori, nell’accertamento delle violazioni del diritto d’autore nonché nel controllo di internet point e call center.

Sono stati monitorati 359 siti pedo-pornografi alcuni dei quali inseriti in black list, controllati numerosi internet point, arrestate 6 persone e 174 sono quelle denunciate.

L’Ufficio ha ricevuto 939 denunce per reati in materia informatica. L’attività ha determinato il controllo sul territorio di 829 uffici postali con l’impiego di 69 pattuglie.

Per il progetto “Educazione e legalità” sono stati organizzati 25 incontri portati in altrettante scuole provinciali.

In ambito info-investigativo, si segnala l’operazione Double Vishing, che ha permesso di sgominare un associazione criminale dedita alla frode informatica di ultima generazione, più di 1 milione di euro frodati, sottratti i dati e le carte di migliaia di numerosi clienti.

La Polposta ha eseguito 6 misure cautelari a carico di altrettanti soggetti residenti nell’hinterland napoletano per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla sostituzione di persona, al furto aggravato e all’indebito utilizzo di carte di pagamento elettronico. Le indagini sono state avviate nel luglio 2018 a seguito delle segnalazioni presentate da alcuni istituti di credito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento