Si addormenta ubriaco su una panchina, si risveglia al Pronto soccorso e distrugge tutto

L'uomo ha mandato in frantumi la porta scorrevole e il vetro dei locali del triage

Si accascia su una panchina quasi in coma etilico, si risveglia al Pronto soccorso e quando si risveglia distrugge tutto.

L’uomo, un giovane italiano difeso dall’avvocato Emma Contarini, è finito sotto processo per danneggiamento dopo che era stato soccorso dal personale del 118 che lo aveva trovato svenuto su una panchina a Perugia. Portato al Pronto soccorso era stato visitato, sistemato su una lettiga e le sue condizioni erano costantemente monitorate.

Dopo alcune ore, però, l’uomo si era risvegliato improvvisamente, senza riconoscere il luogo in cui si trovava e senza ricordarsi perché si trovasse lì. Così aveva dato in escandescenze, prendendosela con la porta scorrevole del Pronto soccorso e facendola uscire dalla guida, per poi avventarsi contro il locale del triage spaccando un vetro e poi distruggendo una sedia a rotelle in uso al Pronto soccorso.

Una volta calmato dagli agenti del posto fisso di Polizia e dal personale medico e infermieristico, era scattata la denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

Torna su
PerugiaToday è in caricamento