menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Shottini a minorenni la sera dello stupro, il questore chiude un bar in centro storico a Perugia

Sospesa la licenza dopo che dalle indagini è emersa la vendita di superalcolici a dei ragazzini

Chiusura e sospensione della licenza per il bar che ha venduto gli shottini al gruppo di minorenni di cui faceva parte la ragazzina violentata la sera dell’11 giugno.

La decisione è del questore Antonio Sbordone dopo che le indagini, condotte dai Carabinieri, hanno appurato la vendita di superalcolici a minori, in violazione delle leggi.

Il questore ha fatto abbassare le saracinesche al locale sulla base dell’articolo 100 del Testo unico di pubblica sicurezza che prevede la sospensione della “licenza di un esercizio, anche di vicinato, nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini, o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque, costituisca un pericolo per l'ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini. Qualora si ripetano i fatti che hanno determinata la sospensione, la licenza può essere revocata”.

foto bar-2Gli amici della vittima dell’aggressione sessuale, nelle loro deposizioni ai Carabinieri, hanno affermato di essersi recati nel locale e di aver consumato una decina di shottini a testa, prima che la loro amica venisse avvicinata dal giovane che è stato arrestato per lo stupro.

Testimonianze che sono state valutate attendibili per predisporre la sospensione della licenza del locale pubblico.

È stata accertata l’assoluta mancanza del rispetto della normativa vigente, da parte del gestore del bar, relativa all’ accertamento dell’età dei propri clienti prima della mescita dei super alcoolici.  Il Questore ha pertanto disposto, con specifico provvedimento notificato al responsabile dell’esercizio commerciale nella mattinata odierna, l’immediata sospensione e chiusura del locale per 30 giorni (In foto, un agente provvedere a mettere i sigilli alla porta del locale, immagine della Questura di Perugi).

Il provvedimento è motivato anche per prevenire episodi connessi all’abuso di sostanze alcoliche, come si è accertato essersi verificato in occasione delle recenti liti occorse nel centro storico cittadino.

“Saremo inflessibili nel nostro compito di far rispettare le leggi ancor più quando dal mancato rispetto di esse possono derivare conseguenze pericolose per i nostri giovani” ha detto il questore Sbordone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento