rotate-mobile
Cronaca

La tratta delle schiave, minorenni gettate in strada e obbligate a prostituirsi

A finire nella mega inchiesta portata avanti dai carabinieri del Ros e della compagnia di Assisi in tutto 54 persone. Uno dei capi del clan più influente, secondo la Procura, sarebbe una donna

Riduzione in schiavitù, tratta di persone e sfruttamento della prostituzione in locali notturni. Sono questi solo alcuni dei reati per i quali sono state indagate 54 persone finite all’interno di una lunga e complessa indagine portata avanti dai carabinieri del Ros e della compagnia di Assisi. Ad essere coinvolti, secondo il procuratore distrettuale antimafia Antonella Duchini, dieci gruppi che avrebbero costretto alcune giovani a vendere il proprio corpo per strada. 

Secondo la Procura il clan più influente era formato da 12 persone che avrebbero obbligato le giovani, anche minorenni, a prostituirsi in alcuni locali notturni, precisamente quattro. Le ragazze, in base a quanto è stato ricostruito dall’Accusa, avrebbero subito violenze psicologiche e minacce fisiche. A capo del giro di prostituzione in tutto tre persone, tra cui una romena che si sarebbe occupata di “sistemare” le ragazze nei vari alloggi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tratta delle schiave, minorenni gettate in strada e obbligate a prostituirsi

PerugiaToday è in caricamento