Cane sfruttato per il mercato del sesso: 500 euro per due squillo e un meticcio "attivo"

La notizia è stata divulgata da un'associazione per la tutela degli animali che ha scoperto e messo in fuga due studentesse di Lecce e Milano che offrivano ai clienti a Perugia sia le proprie grazie oltre che le prestazioni orali del proprio meticcio

Le vie del sesso a pagamento seguono anche le più bizzarre perversione che alcuni clienti sono disposti a pagare bene. E quindi non è destinato ad essere un caso isolato, in Umbria come nel resto d'Italia, l'offerta di sesso con due ragazze con in più presente e attivo un cane che è specializzato in sesso orale. Non è una barzelletta di cattivo gusto ma una offerta reale che due studentesse perugine - che si mantenevano facendo le prostitute di tanto in tanto - hanno pubblicizzato su alcuni siti di annunci. Oltre che alcuni clienti - disposti a sborsare ben 500 euro - se ne sono accorti anche i volontari dell'associazione dell’Aidaa - l’associazione onlus per la difesa di animali e ambiente - dopo una segnalazione anonima. 

Un caso che è stato reso noto dall'associazione guidata dal presidente Lorenzo Croce che non ha esitato a telefonare alle due ragazze per capire se fosse tutto vero, ovviamente spacciandosi per un facoltoso imprenditore. "Le squillo all'inizio non hanno confermato la pratica del sesso orale con il cane ma solo dopo le insistenze del presidente Aidaa hanno confermato che era possibile avere un rapporto a tre (duecento a testa per le ragazze e 100 per la presenza attiva di una femmina meticcia nera di media taglia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l'associazione l'utilizzo di un cane nel mercato del sesso rientra nel reato di maltrattamento del cane ai sensi dell’articolo 544 del codice penale. Da qui la decisione di capire chi sono i clienti delle due "studentesse" per denunciarli. Le due ragazze, dopo l'intervento della Aidaa, sono state allontanate dalla casa dalla proprietaria avvertita dall'associazione. Se ne sarebbero andate nei paesi di origine (Milano e Lecce) abbandonando i rispettivi corsi universitari.
I

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • L'ultimo saluto a Carlotta Martellini, il funerale fissato per sabato 1 agosto a Solomeo

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Coronavirus in Umbria, è un neonato il nuovo paziente ricoverato a Perugia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento