menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mano tesa agli anziani, nasce "Servizio buongiorno", il progetto per non lasciarli soli

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia nell’ambito dell’Avviso “Welfare di prossimità per la popolazione anziana” 2020, prevede la strutturazione e sperimentazione di un servizio innovativo rivolto alla popolazione anziana del centro storico

Mai più anziani soli. Nasce con questo scopo il progetto “Servizio buongiorno” dell’Auser Perugia, per venire incontro alle esigenze di una fascia vulnerabile, quella anziana, che troppo spesso deve fare i conti con la solitudine e una mancata socializzazione, supporto psicologico ed assistenza, soprattutto il un momento di pandemia come questo attuale. Il progetto, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia nell’ambito dell’Avviso “Welfare di prossimità per la popolazione anziana” 2020, prevede la strutturazione e sperimentazione di un servizio innovativo rivolto alla popolazione anziana del centro storico della città di Perugia.

Il servizio, una evoluzione sperimentale del filo d’Argento, prevede che non sia  più l’anziano a chiamare per cercare compagnia e aiuto (se conosce il servizio) ma è Auser Perugia (associazione per l’invecchiamento attivo) che chiama l’anziano per sapere se va tutto bene, se ha bisogno di qualcosa, anche solo di compagnia e  - se non ci sono impedimenti oggettivi – se ha piacere a partecipare ad eventi di socializzazione e inclusione nella propria zona di riferimento, così da ricostruire il legame con il proprio “pezzo di città”. Cercando di supportare gli anziani del centro storico nell’attivazione e fruizione dei tanti servizi esistenti, anche attraverso soluzioni tecnologiche e digitali.

L’idea nasce da un’analisi del contesto di riferimento, rilevando come Perugia sia una città con un anziano ogni cento abitanti. A marzo 2019 è stato pubblicato “Anziani nel centro storico di Perugia”, frutto della collaborazione tra il sindacato dei pensionati, Lega Spi Cgil di Perugia e l’Università degli Studi di Perugia, che ha fatto emergere alcune difficoltà legate all’invecchiamento attivo per la popolazione anziana del centro storico e dell’area appena intorno (es. Porta Pesa, Elce, c.so Garibaldi, ect). Da qui l’importanza di creare un progetto attivo che tenga conto delle necessità delle persone anziane. Per non lasciarle sole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento