menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uova contaminate, sequestrato allevamento umbro: "Controlli serrati, nessun rischio"

Un allevamento avicolo umbro è stato sottoposto dall’Asl 1 a sequestro amministrativo cautelativo, di carattere sanitario, per il rilevamento di tracce dell’insetticida tossico ‘Fipronil’

Uova contaminate anche in Umbria, scatta il sequestro di un allevamento avicolo. Il sequestro amministrativo cautelativo e di carattere sanitario, è stato effettuato dall'Asl 1 per il rilevamento di tracce dell’insetticida tossico ‘Fipronil’ su alcune partite di uova, che  - come spiegato dall'assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare Luca Barberini,sono state immediatamente inibite da ogni distribuzione commerciale, senza alcun pericolo per la salute dei cittadini,

L'assessore evidenzia che “la situazione in Umbria è sotto controllo, grazie all’intervento tempestivo dei tecnici della Regione, delle Usl e dell’istituto zooprofilattico di Umbria-Marche, che da tempo stanno monitorando la situazione con controlli serrati su tutto il territorio regionale”.

 “Sono circa 280mila – spiega Barberini – le uova risultate contaminate, che verranno completamente avviate alla termodistruzione. È, inoltre, immediatamente scattato il sistema di allerta finalizzato al recupero di eventuali prodotti già messi in commercio, facilmente rintracciabili in base al lotto di produzione, per evitare eventuali consumi a rischio. A tale proposito – sottolinea l’assessore – è opportuno chiarire che, per l’uomo, il livello tossicità del ‘Fripronil’ è sopra lo 0,72 mg/kg, mentre quello rilevato nelle uova sequestrate è di 0,047 mg/kg, quindi di gran lunga inferiore”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento