IL CLAN DEI FATTUCCHIERI, Decine di vittime e una donna morta per una truffa milionaria

Magie, macumbe e filtri d'amore. Una storia che ha dell'incredibile e che ha portata alla condanna di un'intera famiglia per truffa ed estorsione. Ecco tutti i retroscena

Intercettazioni che si accavallano per un processo che ha dell’assurdo. Una storia che forse neanche Rolling Stones, madre del celebre maghetto, avrebbe potuto partorire, perché qui riti magici e macumbe non sono la trama di un libro letto in tutto il mondo, ma gli atti di un processo che ha portato alla condanna di un’intera famiglia: il “clan dei fattucchieri”, per aver fatto sparire da conti di amici e conoscenti quasi un milioni di euro.

Un gioco semplice, portato avanti facendo leva sulla debolezza e le paure di chi credeva in quei veri e propri ricatti psicologici. “Ricordi quei due amici del tuo povero marito circondati da una strana aurea maligna, da presenze negative? Uno ha fatto i riti e sta bene, l’altro non li ha voluti fare ed è morto poche settimane fa”. Il “clan” arriva anche a convincere un uomo di non toccare più il denaro presente in casa perché “infetto".

Ma in questa vicenda che ha dell’irreale vi è anche l’inquietante tragedia di una donna che si è affidata al clan dei ciarlatani, perché ormai disperata per le sue condizioni di salute, decidendo così di fare un ultimo tentativo e chiedendo aiuto proprio a loro. Inutile dire che la donna è morta dopo poco.

La famiglia, come riporta il Giornale dell’Umbria, è difesa dagli avvocati Daniela Paccoi, Domenico Cancellieri e Gianvito Ranieri. I giudici (Massei, Micheli, Cenci) li hanno condannato per truffa ed estorsione. Nella motivazioni alcuni stralci di questa storia: “Come nelle vicende umane che si sono succedute nel presente processo, si registra l’approfittamento di una condizione di debolezza psicologica della vittima, a causa di problemi verificatosi in momenti particolari della sua vita… Era rimasta scossa per la perdita del marito e non era stata in grado di accettare quell’evento o di elaborare in qualche modo l’esperienza delittuosa”.

Un atteggiamento portato avanti dal clan che a volte, per le richieste fatte, può essere considerato come un vero e proprio “pizzo”. Una delle maghe avrebbe infatti predette che se non pagava per i riti magici le sarebbe accaduto qualcosa di molto brutto. Le persone offese si sono costituite parte civile con gli avvocati Claudia Franceschini, Guido Bacino, Federica Lipovsek Stefano Cerquetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Tragedia a Mantignana: muore pedone investito da un'auto, inutili i soccorsi

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento