menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco dei Sibillini, fanno il bagno nudi nel lago di Pilato: violato un ecosistema fragilissimo

In questo particolare lago vive una specie unica al mondo, il Chirocefalo del Marchesoni e per garantirne la sopravvivenza, è vietato persino avvicinarsi a riva, figuriamoci fare il bagno

Turisti  fanno il bagno dentro le acque del lago di Pilato. Acque queste, interdette al contatto con l'uomo già fin dalla riva, dal momento che all'interno vive un particolarissimo e delicato organismo, unico al mondo. 

La segnalazione, risalente ai primi di luglio, arriva da Alessandro Bugatti, rilanciata poi dalla pagina Il Camoscio dei Sibillini, Escursioni e trekking e mostra, con scatti eloquenti, un gruppo di escursionisti dediti a fare il bagno (uno d loro è adirittura completamente nudo) nelle acque di questo prezioso lago.

Un comportamento sconsiderato se si pensa che questo potrebbe mettere a rischio l'equilibrio e la vita stessa del Chirocefalo del Marchesoni, una specie rarissima.  La segnalazione, rimbalzata sui social, ha creato scalpore ed è giunta anche alle orecchie dell'ente parco che, tramite post su facebook, scrive: “È un episodio purtroppo non isolato e che si somma ad altri comportamenti poco rispettosi dei fragili ecosistemi e luoghi simbolo dei Sibillini.

Il Presidente del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Oliviero Olivieri: “Tutelare il lago di Pilato è un dovere per tutti, non solo per l’ente che presiedo".

"La consapevolezza del valore di questo bacino lacustre, sia dal punto di vista ambientale che scientifico, deve muovere tutti, turisti compresi, ad avere il massimo rispetto per quelle acque che, tra l’altro, ospitano una specie endemica, il Chirocefalo del Marchesoni, la cui sopravvivenza è legata anche a precise disposizioni che non consentono, ad esempio, di avvicinarsi alle rive del lago per salvaguardare le uova di questo minuscolo crostaceo". 

"Segnalo che, proprio in questi giorni, il Parco ha avviato, tramite le guide del Parco, il servizio di monitoraggio dei siti più delicati, tra cui il lago di Pilato, per informare e sensibilizzare i visitatori affinché abbiano un comportamento consapevole e rispettoso. Ci appelliamo dunque al buon senso di tutti, affinché sia scongiurato il ripetersi di situazioni simili, che possono creare un danno non solo al delicato equilibrio biologico del Parco ma anche un danno d’immagine a tutto il territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento