menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria, scuole sicure? "Monitorati 444 edifici, uno su due vulnerabile a livello sismico"

Dallo studio emerge un basso indice di vulnerabilità sismica (122 edifici), media per 62 edifici e alta per 39

Vulnerabilità degli edifici scolastici: questa mattina nel palazzo della Provincia di Perugia di Piazza Italia, Cittadinanzattiva ha presentato i risultati dell’accesso civico esercitato nei confronti di Province e Comuni dell'Umbria, grazie al quale sono state acquisite informazioni sulla sicurezza strutturale e sismica delle scuole. Dati, frutto di un dettagliato lavoro sui plessi scolastici italiani, oggetto, in contemporanea all’incontro perugino, di un convegno a Roma.

L’incontro di questa mattina è servito per puntare l’attenzione sugli edifici scolastici umbri. A illustrare l’importate documento sono stati, tra gli altri, i rappresentanti di Cittadinanzattiva Danilo Bellavita (segretario regionale Umbria); Anna Rita Cosso (Vicepresidente Nazionale) Ornella Ciani (coordinatrice di Perugia), Alessandra Bircolotti (responsabile regionale per la  Scuola di Cittadinanzattiva). Mentre per la Provincia il consigliere delegato all’edilizia scolastica Federico Masciolini e il dirigente del settore ingegnere Andrea Rapicetta.

Lo studio ha riguardato 444 edifici scolastici censiti ed ha evidenziato che molti di essi, il 32%, sono stati costruiti prima del 1971. Ciò comporta una situazione variegata che necessita della massima attenzione “visto – ha evidenziato Bellavita - che è una tematica che va a toccare la pelle viva dei ragazzi che vanno a scuola”.

Sono quindici anni che Cittadinanzattiva elabora il “Rapporto sulla sicurezza  delle scuole”. Nel dettaglio il report prende in considerazione molteplici voci, oltre all’anno di costruzione, la certificazione di agibilità statica, il collaudo statico, gli adempimenti relativi alla sicurezza (come le uscite dal piano della scuola o le porte antincendio, la conformità degli impianti elettrici o la conformità degli idranti).

Dallo studio emerge un basso indice di vulnerabilità sismica (122 edifici), media per 62 edifici e alta per 39. Lo studio ha permesso anche di effettuare una valutazione dell’agibilità degli edifici scolastici post sisma. Nell’ambito del territorio della Provincia di Perugia nel 2017 sono stati effettuati maggiori interventi di manutenzione straordinaria dei plessi.

“C'è bisogno di informazione – ha sottolineato Cosso – tanti enti locali non hanno risposto. C'è bisogno invece di focalizzare l’attenzione sul tema della sicurezza scolastica e di provvedere a lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. La nuova legge sull'accesso civico va conosciuta e rispettata dagli enti locali. In Umbria ha risposto il 34 per cento, in Emilia-Romagna il 94 per cento, la media nazionale è del 19 per cento. Viviamo in uno stesso Stato ma questi dati ci dicono che la cultura amministrativa è molto diversa da regione a regione”.

Il consigliere provinciale Masciolini ha tenuto a ringraziare Cittadinanzattiva “non solo per quello che ha fatto, ma anche per la metodologia adottata con un approccio costruttivo rispetto alle problematiche”.

“All’indomani del sisma – ha aggiunto Masciolini – si sta evidenziando una rinnovata attenzione sia delle istituzioni che degli attori principali su un tema delicato che afferisce alla sicurezza nella più ampia accezione. Possiamo contare – ha concluso – anche su un programma di risorse finanziarie che ci fanno guardare con ottimismo alla soluzione di alcune criticità che saranno inserite nel programma pluriennali degli interventi per l’edilizia scolastica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento