Scomparso Sandro Bellini, cresce l'ipotesi omicidio: c'è un sospettato

Nei giorni passati i sommozzatori hanno setacciato i due laghi del ternano, Piediluco e quello di Ventina, dove, in base alle indagini effettuate si sarebbe attaccata per l'ultima volta la cellula del cellulare di Sandro Bellini

Gli inquirenti sembrano ormai essere certi del fatto che Sandro Bellini non si sia allontanato spontaneamente da casa. Da alcune indiscrezioni, pubblicate oggi dal Corriere dell'Umbria, pare ci sia già un sospettato per la sua probabile morte, ma ancora tutto viene mantenuto nel più stretto riserbo. Niente può essere lasciato al caso e le indagini proseguono giorno e notte. Escludere a priori che possa essersi infatti allontanato volontariamente non è al momento possibile e lascia una piccola speranza alla famiglia straziata dal dolore.

La verità sulla scomparsa dell'uomo potrebbe essere nei reperti biologici che gli inquirenti hanno prelevato dall'auto dell'uomo. Le piccole tracce potrebbero infatti aprire una nuova pista e indicare che fine abbia fatto il 53enne. Numerose le persone sentite dagli inquirenti per ricostruire la vita dell'uomo, apparentemente normale. Vedovo e senza figli, non sembrerebbero esserci macchie nel suo passato, ma quell'auto data alle fiamme farebbe comunque presumere il peggio.

La pista del suicidio o dell'allontanamento volontario è stato al momento accantonata. Difficile pensare che Sandro Bellini abbia prima deciso di dar fuoco alla sua Chevrolet Kalos e poi di compiere l'estremo gesto. La vita privata del 53enne potrebbe celare molte più risposte di quanto non si pensi. Dal mutuo acceso per acquistare la casa di via Rosselli fino a una gita organizzata con la famiglia. Tutti atteggiamenti, insomma, che non farebbero ipotizzare a un allontanamento volontario, ma che potrebbero nascondere una verità ben più amara: quella di un possibile delitto

Nei giorni passati i sommozzatori hanno setacciato i due laghi del ternano, Piediluco e quello di Ventina, dove, in base alle indagini effettuate si sarebbe attaccata per l'ultima volta la cellula del cellulare di Sandro Bellini. Sembrerebbe comunque che il pm Tullio Cicoria, titolare delle indagini, non stia totalmente brancolando nel buio nonostante gli indizi a suoa disposizioni siano veramente pochi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento