menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo sceicco perugino che voleva comprare Totti ora è anche sotto indagine

La trattativa di entrare come socio per portare 50milioni di euro è fallita e chiusa definitivamente perchè non ha completato l'iter. Ora scatta l'indagine per aggiotaggio a danno di Adnan Adel Arel al Qaddumi

Sfumata la trattativa finisce anche indagato per aggiotaggio. Saltata qualsiasi possibilità di accordo, per lo sceicco 'italiano' Adnan Adel Arel al Qaddumi sembra complicarsi anche la vicenda giudiziaria avviata sui complessi colloqui da lui intrapresi con la As Roma. I pm della Procura hanno, infatti, deciso di iscrivere nel registro degli indagati al Qaddumi per l'accusa di aggiotaggio. Una scelta, precisano da piazzale Clodio, che ha il sapore dell'atto dovuto per una faccenda che potrebbe nascondere, nonostante il nulla di fatto, aspetti penalmente rilevanti.

E pensare che appena 24 ore prima della rottura al Qaddumi era convinto di avere tra le mani le chiavi di Trigoria. ''Ma che bello! Io e il Papa insieme'', si era lasciato scappare in un ristorante tra Eur e Ardeatina, azzardando uno spericolato parallelo con l'elezione del nuovo pontefice e ostentando sicurezza. "Non manca niente, non c'è nessun problema - assicurava - Intanto metto questi 50 milioni, poi magari la prendo tutta la Roma". Nessuna preoccupazione insomma: "Sarò il vicepresidente vicario e socio al 50% con Pallotta perchè Ruane, D'Amore e DiBenedetto andranno via tutti".

L'unico ad uscire di scena, invece, e' stato proprio lui, al Qaddumi, che oggi ha accusato anche un malore nella sua casa alla periferia di Perugia. Nessuna notizia invece dagli Stati Uniti, nonostante le perplessità sollevate dall'ambiente romanista sulla conduzione da parte di Pallotta di una trattativa dai contorni oscuri. 

Contorni finiti nel mirino dei magistrati romani che vogliono verificare in primo luogo se il club giallorosso sia stato oggetto di azioni che puntavano a speculazioni sul titolo azionario della società. Gli inquirenti sottolineano che al momento si sta seguendo con attenzione l'evolversi della trattativa in attesa di un rapporto della Guardia di finanza. All'attenzione di chi indaga dovranno essere depositate anche le conclusioni della Consob sul titolo azionario della Roma ed eventuali possibili ''interventi'' sul cosiddetto 'flottante'. Chi indaga sta anche valutando l'opportunita' di convocare negli uffici di piazzale Clodio lo stesso al Qaddumi anche se in questa fase l'attenzione e' tutta proiettata sull'esito della trattativa che ieri ha vissuto forse il suo ultimo capitolo.

La parola fine sulla trattativa e' giunta in serata attraverso un comunicato diffuso dal club giallorosso, dopo la scadenza dei termini e dopo una lunga giornata fatta di videoconferenza sull'asse Roma-Stati Uniti dove James Pallotta si trovava per seguire l'evolversi della situazione. ''Il potenziale partner non ha completato l'investimento'' spiega chiaramente il comunicato aggiungendo che la compagine societaria del presidente romanista "non è d'accordo sulla proroga dei
termini per la chiusura del transazione e che quindi l'accordo preliminare deve essere considerato risolto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento