menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pugno duro sull'uomo dell'inchiesta Gesenu: ancora un no al suo ritorno in libertà

L'ex direttore tecnico Giuseppe Sassaroli rimane agli arresti domiciliari. A gennaio la difesa aveva depositato il ricorso in Cassazione contro la misura cautelare, dopo la conferma del Riesame

L'ex direttore tecnico Giuseppe Sassaroli, finito nella bufera dopo l'inchiesta "spazzatura d'oro connection", rimarrà agli arresti domiciliari. I giudici del Tribunale della Libertà hanno rigettato l'appello "in quanto si erano già pronunciati". La misura cautelare per Sassaroli, era già stata confermata dal tribunale del Riesame lo scorso 15 dicembre sostenendo che ci fosse il pericolo di commettere nuovi reati contro l’ambiente se rimesso in libertà. "Perché ha le competenze tecniche per riprendere, anche per interposta persona e/o in aziende private, attività lavorative nel settore dei rifiuti". A gennaio la difesa (avvocato David Brunelli) aveva depositato il ricorso il Cassazione contro la misura degli arresti domiciliari.

Scandalo Gesenu, il riesame ha deciso: Sassaroli rimane agli arresti domiciliari
Rifiutopoli, interrogatorio di garanzia all'ex vertice Sassaroli: "Alcuni aspetti sono frutto di equivoci"

Il vertice del direttivo tecnico della Gesenu Giuseppe Sassaroli, le cui deleghe e procure sono state sospese, è finito nel mirino della maxi inchiesta dei rifiuti, ed ora agli arresti domiciliari con l’accusa di associazione a delinquere, traffico illecito di rifiuti, inquinamento ambientale, truffa aggravata ai danni di enti pubblici, frode nel commercio e nelle pubbliche forniture, violazione alle prescrizioni ambientali, frode fiscale attraverso false fatturazioni.

Scandalo rifiuti Gesenu, indagati sospesi: revocate procure e deleghe a Sassaroli

Inchiesta spazzatura d'oro Gesenu-Gest, anche il riciclo di carta e cartone... finisce in discarica

Le indagini, dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Perugia, sono state portate avanti per quasi tre anni dagli uomini del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Corpo Forestale dello Stato di Perugia. Intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti, perquisizioni e sequestri di documenti, hanno fatto emergere una presunta associazione a delinquere finalizzata al traffico ed alla gestione illecita di rifiuti, inquinamento ambientale, e numerose violazioni alle prescrizioni delle autorizzazioni ambientali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento