Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Santa Sabina, distrutti dalle fiamme gli spogliatoi. Le società: "Non sarà il fuoco a spegnere la nostra passione"

Lungo sfogo suoi social della dirigenza di Santa Sabina e Junior Santa Sabina: "Atto doloso, vogliamo la verità"

Succede che, nella notte tra il 10 e l’11 maggio gli spogliatoi dell’impianto sportivo di Santa Sabina sono andati distrutti dalle fiamme. Un incendio che l’Asd Santa Sabina e l’Asd Junior Santa Sabina definiscono “episodio di vandalismo che ha lasciato nello stupore generale tutta la famiglia del Santa Sabina e del mondo del calcio in genere”.

“Le fiamme sono divampate all’interno di un blocco spogliatoi e di una struttura esterna rendendole inutilizzabili – ripercorrono le società dilettantistiche in un lungo post sui social - Ma la cosa che ha sconvolto tutti è che, presumibilmente, le indagini della Magistratura stabiliranno poi la verità e individueranno gli eventuali colpevoli (e siamo davvero tutti tanto curiosi di conoscerne i nomi), l’incendio ha origine dolosa”.

L’incendio, spiegano ancora, ha provocato danni gravi alla struttura ma avrebbe potuto determinare una tragedia ambientale di dimensioni enormi se solo le fiamme si fossero continuate a sviluppare, considerando il parco all’interno del quale lo spogliatoio è ubicato. Il destino ha voluto che a salvare il parco e tutto l’impianto siano stati proprio quei ragazzi “figli” del Santa Sabina, “figli” di un progetto sportivo che ha da sempre coinvolto ragazzi e famiglie insieme; sono state infatti le segnalazioni tempestive di alcuni “nostri” ragazzi, giocatori ed ex giocatori della società che non hanno mai smesso di vivere questa società come la loro seconda casa frequentandola anche al di fuori del calcio, che hanno consentito il pronto intervento dei vigili del fuoco e quindi il veloce spegnimento dell’incendio. I “figli” del Santa sabina hanno forse salvato la casa madre”

Quindi l’appello: “Chiediamo appassionatamente alla Magistratura e alle forze dell’ordine di spendere tutte le risorse possibili per individuare al più presto gli autori o i mandanti di questa, per capire cosa può aver determinato un atto di devastazione di tale gravità, economica ed etica.

Chiediamo agli Enti locali predisposti di attivarsi tempestivamente per consentire alle centinaia di ragazzi che praticano il calcio a Santa Sabina di poter ricominciare a settembre con le stesse strutture presenti fino a due giorni fa e faticosamente costruite dalla famiglia del Santa Sabina e dalla sua immensa passione, in mancanza delle quali le Società, loro malgrado, si troverebbero impossibilitate il prossimo anno ad ospitare tutti.

Chiediamo alle famiglie dei ragazzi che verranno a giocare a Santa Sabina di aiutarci a passare questo momento critico cercando di pazientare se tutto non “filasse liscio” come sempre. Da parte nostra ce la metteremo tutta affinché sia così”

“Una o più “persone” hanno forse pensato di spegnere in questo modo quelle fiamme della passione che negli ultimi quindici anni hanno reso l’impianto sportivo di Santa Sabina tra i più importanti impianti sportivi dell’Umbria, invidiato da tantissime società umbre e non solo – aggiungono ancora le società - Una o più “persone” hanno forse pensato di spegnere quelle fiamme della passione che hanno consentito di realizzare tutto ciò in forma totalmente volontaria e senza alcun onere per la collettività, attraverso un impegno costante e spesso dispendioso.

Una o più “persone” hanno forse pensato di sferrare un colpo assassino alle organizzazioni delle società che gestiscono in maniera esemplare il destino sportivo dei propri ragazzi”.

L’Asd Santa Sabina e l’Asd Junior Santa Sabina comunicano c”he non faranno un passo indietro rispetto a qualsiasi forma di minaccia criminale che nulla a che fare con il mondo dello sport”, “che il fuoco non riuscirà e coprire le voci dei bambini. Il fuoco non ne cancellerà i sorrisi e i colori. Non sarà il fuoco a spegnere la passione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Sabina, distrutti dalle fiamme gli spogliatoi. Le società: "Non sarà il fuoco a spegnere la nostra passione"
PerugiaToday è in caricamento