Per incidenti e malori al lago Trasimeno c’è una barca speciale: il nuovo servizio del 118 attivo 24 ore al giorno

Per attivare il servizio basterà chiamare il 118. Ecco tutte le novità della speciale imbarcazione del 118, più sicurezza per i cittadini e i turisti

Una barca speciale, attiva 24 ore al giorno con operatori della Usl Umbria 1 è già attiva dal primo maggio al Trasimeno. L'imbarcazione sanitaria con il personale medico e infermieristico del 118 è stata attivata nel territorio del lago Trasimeno per portare soccorso agli abitanti e ai turisti dell'area lacustre (isole comprese), in caso di malori o incidenti. 

Il nuovo servizio – organizzato dalla Centrale operativa unica 118 Umbria, vedrà la presenza h24 di un equipaggio medicalizzato, trasportato da idonea imbarcazione, per la gestione di situazioni di emergenza e urgenza. “Si tratta di una risposta importante – ha evidenziato Luca Barberini, assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare – sia per l’attività ordinaria sia per quella straordinaria, vista la grande affluenza di turisti che interessa il territorio del Trasimeno".

"Il nuovo soccorso lacustre è stato promosso, in maniera permanente e strutturata, grazie alla collaborazione di diversi soggetti quale la Regione, la Usl Umbria 1 e il 118 regionale per assicurare prestazioni sanitarie efficaci e di qualità su tutto il territorio regionale. Il servizio viene attivato tramite chiamata al 118, ha come sede primaria il porto di Passignano, da dove l’equipe sanitaria viene imbarcata per la destinazione assegnata, ma possono essere utilizzate anche altre basi di partenza a seconda delle necessità”.

L’imbarcazione attualmente utilizzata è una “Pilotina DC7”, adeguatamente modificata per alloggiare in sicurezza una speciale barella su cui trasportare i pazienti. Il personale tecnico adibito alla barca è in possesso di patente nautica e coadiuva quello sanitario nelle comunicazioni, nel trasporto e nella gestione della sicurezza degli utenti del servizio, in base a protocolli condivisi.

“La nostra Azienda sanitaria – sottolinea Andrea Casciari, direttore generale della Usl Umbria 1 – si è fortemente impegnata, nel corso dell’ultimo anno, per attivare questo servizio importante per la popolazione e per i turisti dell’area del Trasimeno. Abbiamo provveduto ad una formazione specifica per il personale tecnico e sanitario, consentendo tra l’altro l’acquisizione della patente nautica. L’imbarcazione, inoltre, è stata totalmente revisionata e opportunamente modificata per garantire la sicurezza del paziente mediante una speciale barella. Sono inoltre presenti strumenti per il monitoraggio delle funzioni vitali, con possibilità di trasmissione in telemedicina dell’elettrocardiogramma agli ospedali di Perugia e Gubbio-Gualdo Tadino”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, parte dall'Umbria la sperimentazione del tracciamento dei telefonini di persone a rischio

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, l'amore non si ferma: si sposano a Perugia e la foto in un centro vuoto diventa virale. "Premiamoli"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

Torna su
PerugiaToday è in caricamento