Eccellenze umbre - Dall'Inghilterra a Branca per recuperare la salute, la bella storia di Lisa

In Gran Bretagna le avevano dato delle vitamine, all'ospedale di Branca le scoprono un tumore benigno, la operano e 24 ore dopo è a casa. La lettera con cui dice grazie

Una storia di buona sanità che esalta come eccellenza i professionisti che lavorano in Umbria, anche in piccoli centri ospedalieri come quello di Branca, soprattutto se rapportato ad un ospedale inglese.

Una coppia di coniugi inglesi, Roger e Lisa, vivono in Umbria, hanno scelto di lavorare nel cuore verde d’Italia. Un giorno la signora inizia a stare male: dolori ossei, stanchezza, disturbi dell’umore. Si reca in Inghilterra e si sottopone ad alcune visite. Viene ricoverata e, alla fine, dimessa con una cura di vitamine.

Tornata in Umbria, però, la signora continua a stare male. Fino a quando il marito non la accompagna al Pronto soccorso di Branca. Lì c’è il dottor Lorenzo Silivestro che si insospettisce nel vedere i valori delle analisi completamente sballati.

Così decide di chiamare il collega endocrinologo, il dottor Vincenzo Ariete, e di mandare la signora ad approfondire con una visita ulteriore. Il dottor Ariete visita la donna, concorda nell'analisi con il collega, nota qualcosa che non va, si consulta con il primario Stefano Radicchia (responsabile del Pronto soccorso e della Struttura complessa di medicina, cui afferisce l’ambulatorio di endocrinologia) e decidono di sottoporre la paziente ad una visita, con ecografia, a Medicina nucleare di Perugia, con il dottor Salvatore Messina.

Il responso è quello di un adenoma tiroideo, un tumore benigno, da asportare immediatamente.

La donna viene operata a Branca, dal primari chirurgo Enzo Passeri, che utilizza una tecnica innovativa e particolare, che pochi ospedali utilizzano. In ventiquattro ore il paziente è in piedi e può tornare a casa, con una convalescenza minima e un immediato benessere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E così è stato per la signora che ha voluto ringraziare tutti quanti si sono adoperati per la sua salute, facendo recapitare un biglietto all’ospedale di Branca: “Dal profondo del mio cuore, grazie per la cura e il dono della buona salute”. La testimonianza di come si sia trovata molto bene nelle mani del personale ospedaliero e di come la sanità umbra sia riuscita, al contrario di quella inglese, a farla star bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento