menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

LA CURIOSITA' Ci ricordiamo di San Silvestro solo tra lenticchie e cotechini... ma Perugia era molto devota: la storia e i resti artistici

Un esempio per tutti: la chiesa del XII secolo (recentemente riaperta) di San Fortunato è stata ricostruita nel Seicento proprio dai monaci silvestrini, venuti nella Vetusta dopo la distruzione della Rocca Paolina

Via Bartolo: San Silvestro abbandonato. Ormai il santo abate si ricorda solo in occasione della fine dell’anno, tra cotechino, lenticchie e tappi di spumante. Eppure Perugia è stata una città molto cara all’ordine silvestrino. Un esempio per tutti: la chiesa del XII secolo (recentemente riaperta) di San Fortunato è stata ricostruita nel Seicento proprio dai monaci silvestrini, venuti nella Vetusta dopo la distruzione della Rocca Paolina. A loro volta, provenivano dalla vicina Santa Maria Nuova, poco sotto: alla Pesa. Silvestro, denominato “confessore della fede”, è stato un Papa anche sfortunato perché la Storia lo ha legato all’invenzione della “donazione costantiniana”, con cui l’imperatore donava a Silvestro e ai suoi successori la città di Roma e alcune province italiane. Insomma: lo ricordiamo il 31dicembre, tra mangiate e bevute, poi il silenzio!

Ma, in via Bartolo – sotto l’archetto imbruttito da un’orrenda telecamera del situ – esiste un’edicola ceramica ben tenuta e recentemente ripulita a cura del condominio che ne è proprietario. Purtroppo, qualche anno fa una mano sacrilega ha strappato il portalampade che sosteneva la piccola luce votiva. Nessuno ha pensato a ricollocarla. Una sola persona (tuderte, non perugina!) si occupa di mettere qualche fiore (anche se, specie d’inverno, finto). È il buon Italo, personaggio acquisito alla Vetusta, persona umile e generosa, che tiene pulita la piaggia di San Fortunato e vi cura qualche pianticella.

Non sarebbe il caso di ricollocare un economico portalampada in quell’edicola? Il vandalismo che lo ha strappato è segno di una pietas popolare smarrita, che la città ha ormai messo in soffitta come le “buone cose di pessimo gusto” del poeta crepuscolare Guido Gozzano, anche lui ingiustamente dimenticato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento