rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca San Giustino

San Giustino, sotto processo per la lite al centro ricreativo: "Tanto te la faccio pagare, ti spacco la faccia"

un uomo è accusato di aver minacciato una donna all'interno dei locali del Cva, alla presenza di tre testimoni

I centri socio culturali possono essere dei luoghi pericolosi. A scatenare le liti ci possono essere divergenze sulle carte da giocare durante una partita, oppure un caffè freddo o una bevanda calda.

Quanto accaduto al Cvs di San Giustino, qualche anno fa ormai, anche se il processo si celebra oggi, però è ancora avvolto dal mistero: nessuno sa perché una persona ne abbia minacciata un’altra.

Imputato è un 46enne, difeso dall’avvocato Silvia Paoloni, accusato “del reato di minaccia perché intorno alle ore 21 del 2 maggio 2016 presso il Cva di San Giustino, alla presenza di tre persone, si rivolgeva” a una donna “proferendo, in tono minaccioso, le seguenti parole: te la faccio pagare … ti spacco la faccia”.

La signora, una 54enne del posto, si è costituita parte civile, assistita dall’avvocato Simone Guerra.

L’uomo è già condannato dal giudice di pace di Città di Castello, ma adesso ricorre in appello davanti al giudice monocratico del Tribunale penale di Perugia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giustino, sotto processo per la lite al centro ricreativo: "Tanto te la faccio pagare, ti spacco la faccia"

PerugiaToday è in caricamento