Femminicidio, Christian ha premeditato tutto: ha aspettato il giorno libero di Alexandra

La ricostruzione dei Carabinieri propende ad un massacro pensato e portato avanti con lucida freddezza anche dopo le chiamate e gli sms degli amici che nella notte hanno cercato di rintracciarlo e fermarlo

Tutti gli elementi, raccolti dai Carabinieri, portano ad un lucido e folle progetto pensato da giorni: Christian Rigucci ha aspettato lunedì sera - 14 ottobre - per "portare via con sé" la povera Alexandra Buffetti. Una premeditazione che emerge da tre elementi su tutti: il caricatore della pistola rigorosamente carico, la lettera alla famiglia con una spiegazione di quello che accadrà ritrovata dalla madre del killer alle 22,30 e l'azione decisa proprio di lunedì. Christian sapeva che era il giorno libero di Alexandra che lavorava in un pub a San Sepolcro. Non è stato dunque un litigio finito in tragedia ma un'azione decisa e terribile. Un chiaro femminicidio in piena regola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di un litigio intorno alle 20 del giorno del massacro tra i due ex fidanzati: forse Alexandra, aprendo la porta dell'abitazione, era convinta che Christian era arrivata da lei per chiarire: al massimo per chiederle ancora una volta di ritornare insieme. Ma invece la pistola è spuntata nel soggiorno: tre colpi contro la povera 26enne e poi il proiettile alla testa del killer. Oggi - il 16 ottobre - sarà effettuata l'autopsia per confermare una ricostruzione che ormai sembra chiara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento