menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia non dimentica la "fatina dei bambini": la città rende omaggio a una donna meravigliosa

Ricordare un personaggio di assoluta eccezionalità, che tanto ha fatto per Perugia e per i bambini. Nella sua veste di pediatra, di fondatrice e presidente Unicef, di responsabile del Patronato scolastico, sempre pronta a rispondere alla chiamata a iniziative di carattere sociale e umanitario

Ricordare un personaggio di assoluta eccezionalità, che tanto ha fatto per Perugia e per i bambini. Nella sua veste di pediatra, di fondatrice  e presidente Unicef, di responsabile del Patronato scolastico, sempre pronta a rispondere alla chiamata a iniziative di carattere sociale e umanitario. Questo lo scopo dell’evento che si è dipanato in Sala dei Notari, nel nome e nella memoria di Vincenza Losito Baldasserini, con la presenza dei bambini e dei ragazzi delle scuole cittadine, oltre che di tante autorità e persone comuni che ne hanno apprezzato l’operato.

“Riannodare il filo rosso che lega le generazioni”, ha ricordato il nostro Sandro Allegrini che ne curò l’autobiografia, raccontata nel libro “Persone”. Alla presenza dei figli Vivi e Attilio, pervasi da sincera commozione. Dopo i saluti istituzionali dell’assessore Wagué e della consigliera Angela Leonardi, promotrice della manifestazione, si sono esibiti ben 80 bambini della scuola primaria “Italo Calvino” (foto) di Montelaguardia, diretti da Francesca Rossi. Poi le testimonianze familiari: del nipote Corrado Losito e uno slide della nipote Elena Antonelli, punteggiato da notazioni di carattere pubblico e privato. A seguire, interventi del pedagogista dello Studium perusinum, e nipote, Gaetano Mollo, in bilico tra memorie private e pubblici impegni della vulcanica “fatina dei bambini”, dal sorriso dolcissimo, ma decisa e operativa nelle sue tante dimensioni di pediatra, donna di cultura, ispirata da forti valori umanitari.

Le riflessioni sul libro “Persone” sono state svolte dagli studenti: per il liceo Mariotti da Francesco Maria Romolini; per il Cavour-Pascal da Sara Ferigo. A chiudere, testimonianze, cartoline e spigolature sul lavoro dedicato all’Unicef. Un documento inviato dal professor Brunetti, un ricordo e un bilancio di Iva Catarinelli, subentrata nel ruolo di presidente Unicef. L’esperienza delle “pigotte” o “bucce”, raccontata con commozione da Maria Luisa Blasi. Lavoro noto e imitato nel mondo e che, con la raccolta di somme ingenti, ha comportato migliaia di vaccinazioni. Infine un ricordo da parte di Mario Mirabassi che, 30 anni fa, iniziò la collaborazione con Enza proponendo ai bambini le sue figure animate. Il trentennale del Festival, tradizionalmente tenuto al Pian di Massiano, sarà dedicato ad omaggiare la memoria della signora Losito, fulgido esempio di virtù civili e umane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento