menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il personaggio: la storia di Ines Renate Döllert, orafa e pittrice da trent'anni nella città del Grifo

Ines Renate Döllert può a buon diritto essere annoverata tra i “nuovi perugini”, includendo nella categoria quei “cives inquilini”, ormai definitivamente adottati dalla Vetusta per un rapporto che vige da trent’anni, come nel suo caso. Nativa di Colonia, in Germania, Ines ha conseguito la maturità classica e il diploma professionale di oreficeria in quella città. Approdata nella comunità del Grifo nel 1986, vi ha pure insegnato oreficeria presso il Don Bosco. Nel 1998 ha aperto il laboratorio orafo “Ca D’or” al civico 37 di via dei Priori. Dipinge da sempre, ma di recente ha avvertito impellente l’esigenza di praticare assiduamente la pittura che definisce “la mia dolce evasione”, dopo tante ore passate al banchetto da orafo.

Pur lavorando in città, continua a vivere nella campagna  perugina le cui colline, punteggiate dal verde dell’ulivo, le forniscono stimoli per le attività creative. Nel 2014 è stata inserita nel progetto, molto apprezzato, condotto nel segno dell'arte e della moda italiana e regionale (Umbriafashionartour).

La riscoperta della passione per la pittura l’ha portata a esporre in vari luoghi della provincia (all’Officina, “Ritratti e paesaggi oltre tempo”, a Torgiano, Corciano) e in tutta Italia. L’ultimo premio conseguito da Ines Renate le è stato attribuito in una mostra nazionale a Siracusa (il quadro è quello alle sue spalle nella foto in pagina).

La sua pittura ha un taglio espressionistico che richiama le tendenze del primo Novecento, rivisitato attraverso scelte cromatiche non aggressive, e declinato sul versante figurativo, con attenzione alla figura umana e alla sua collocazione in un adeguato contesto naturale e antropologico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento