menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico di metadone in città, presunto spacciatore assolto: per l'accusa provocò una overdose

In seguito ad un furto avvenuto al Sert (servizio tossicologico) di Gubbio nel 2011, qualcuno cedette lo stupefacente al ragazzo. Oggi l'imputato è stato assolto da ogni accusa

E’ stato assolto dall’accusa di aver rubato e poi rivenduto il metadone, con cui un giovane andò in overdose. Secondo il giudice Restivo, non esistono prove sufficienti per condannare l’imputato, verso il quale il pm aveva chiesto due anni e tre mesi di reclusione.

In seguito ad un furto avvenuto al Sert (servizio tossicologico) di Gubbio nel 2011, da dove sparirono flaconi di metadone e altri farmaci impiegati per aiutare i tossicodipendenti nel lungo cammino fuori dal tunnel della droga, qualcuno cedette lo stupefacente al ragazzo, che in seguito all'assunzione, andò in overdose. 

Fu proprio lui a denunciare il nome dell’imputato, dicendo di essere un semplice consumatore di droghe leggere, ma la storia, nel tempo, ha assunto contorni diversi. La parte offesa ha più volte cambiato versione, per poi far venire a galla un'altra verità. Era infatti un abituale consumatore di droghe pesanti, tanto da aver passato tre anni della sua vita in una comunità. L'imputato-difeso dall'avvocato Federico D'Ambrosio, oggi è tornato libero, assolto da ogni accusa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento