menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba 400 euro di monete da un bar e scappa: “Volevo spedirli a mia madre”

L'uomo si sarebbe impossessato di un sacchetto con 400 euro di monete provenienti dagli incassi delle slot. Al momento latitante, è accusato di furto aggravato

Un sacchetto di monete, proveniente dagli incassi delle slot, sparito improvvisamente da un bar a Gualdo Tadino. L’episodio risale al 2014: il gestore dell’attività commerciale, stava svuotando le macchinette dai soldi, quando momentaneamente appoggia sopra uno sgabello un sacchetto contenente 400 euro di monete. Ma qualcuno, approfittando di quel bottino a portata di mano, lo afferra e scappa.

Vengono allertati i carabinieri, che rintracciano dopo circa una mezz’ora il presunto ladro, grazie alla descrizione del gestore e delle telecamere di videosorveglianza. L’uomo, sui trentanni e di nazionalità nordafricana, alla vista dei militari inizia subito a discolparsi del furto, giustificandosi dell’appartenenza lecita di quei soldi in quanto, specifica, li aveva giocati lui e quindi erano suoi. Quei soldi, intanto, racconta, di averli già spediti alla madre. Per il giovane scattano gli arresti domiciliari e si apre il procedimento giudiziario ma l’uomo, a oggi, secondo quanto riferito in aula, risulta essere latitante. Già conosciuto alle forze dell'ordine per reati di altra natura, è accusato di furto aggravato. 

Il giudice Grimaccia, dopo l'ascolto dei teste in aula, ha rinviato l'udienza al prossimo 3 aprile e manda alla Procura per la citazione della parte lesa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento