menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Svuota il conto corrente del giovane disabile che assiste, badante sotto processo

I genitori del ragazzo erano andati a ritirare i soldi per l'acquisto di un presidio sanitario e hanno trovato solo 8 euro

Badante deruba il giovane disabile che deve assistere, ma viene scoperto e finisce sotto processo.

L’uomo, difeso dall’avvocato Donatella Panzarola, è accusato di aver svuotato il conto corrente postale dell’assistito (grazie alla negligenza di un dipendente dell’ufficio postale, prima indagato e poi prosciolto, anche se tenuto a risarcire il danno) approfittando della sua posizione di accompagnatore della vittima.

Secondo l’accusa si sarebbe “in distinte occasioni, in esecuzione del medesimo disegno criminoso, in tre occasioni” impossessato “della somma di 2.250 euro sottraendole dal libretto postale intestato” alla vittima. Secondo l’accusa l’imputato “abusando delle relazioni domestiche con la famiglia” della parte offesa, “quale badante di … affetto da handicap grave, si impossessava del libretto postale, del codice pin e del codice fiscale” dell’assistito e “procedeva al prelievo” delle somme contestate.

La Procura contesta anche una serie di prelievi allo sportello bancomat, effettuati nell’arco di due mesi per una somma totale di 3.530 euro.

Ad accorgersi del furto, la contestazione delle Procura è furto aggravato con abuso delle relazioni domestiche, i genitori del ragazzo disabile nel momento in cui si erano recati a prelevare del denaro per acquistare un presidio sanitario per il figlio, ben sapendo di trovare nel conto oltre 5mila euro e si sono ritrovati con appena 8 euro prima di finire in rosso. Il libretto postale era stato aperto per la gestione del trattamento pensionistico di invalidità del ragazzo.

I genitori e il ragazzo si sono costituiti parte civile tramite l’avvocato Emanuela Rondoni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento