Costringe i genitori a chiedere l'elemosina, a giudizio

L'uomo si appropriava della pensione dei due anziani e aveva minacciato anche l'amministratrice di sostegno

Costringeva i genitori a chiedere l’elemosina, li privava dei soldi della pensione che poi spendeva per sé e li maltrattava. Per questo motivo un 55enne di Umbertide è stato rinviato a giudizio.

L’uomo era stato arrestato e sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai genitori. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe privato costretto il padre e la madre a vivere nell’indigenza e nella paura attraverso “continue minacce atte ad ottenerne l'asservimento al suo volere”. Nel corso del tempo avrebbe anche “costretto i suoi genitori anche a chiedere somme di denaro a conoscenti e amici per ripagare i debiti, imponendo così ai genitori un regime di vita vessatorio, mortificante e insostenibile”.

Tra l’arresto e conclusione delle indagini, inoltre, i genitori sono stati ricoverati in una struttura per anziani non autosufficienti e il padre è anche deceduto. L’avvocato Simone Nicotra è stato incaricato, dal tutore legale dei due anziani, di costituirsi parte civile nel procedimento. L’uomo aveva anche minacciato, secondo l’accusa, l'amministratrice di sostegno dei suoi genitori. È stato rinviato a giudizio per tutti questi reati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento