menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

IL CASO "L'avvocato truffa" Rosa Federici punta tutto sulla scarcerazione

La donna, che si trova attualmente nel tribunale di Foggia, era stata arrestata il 28 ottobre scorso, dopo che il GIP del Tribunale di Perugia aveva emesso la misura cautelare per una serie di condotte illecite realizzate da gennaio ad aprile 2013

Hanno deciso di rinunciare al ricorso del riesame. È questa la nuova strategia difensiva portata avanti dall’avvocato Nicola Di Mario e dalla collega Del Monte, dopo che alla loro assistita Rosa Federici, ribattezzata dai media “l’avvocato truffa”, sono stati revocati gli arresti domiciliari, decidendo di rinchiuderla così nel carcere di Foggia. 

Il ricorso come ha, infatti, sottolineato il legale Nicola Di Mario non avrebbe prodotto l’esito sperato. La donna lo scorso 5 novembre si era avvalsa della facoltà di non rispondere davanti al gip Carla Maria Giangamboni.  Adesso le carte in tavola sono cambiate in un batter d’ali. Secondo, infatti, il Gip le esigenze cautelari nei confronti dell’“l’avvocato truffa” si sarebbero aggravate. Ora, come spiega sempre il legale, si procederà con la richiesta al Gip per il rispristino dei domiciliari, ma qualora venisse respinta verrà avanzata una richiesta al tribunale della Libertà. 

La donna, che si trova attualmente nel tribunale di Foggia, era stata arrestata il 28 ottobre scorso, dopo che il GIP del Tribunale di Perugia aveva emesso la misura cautelare per una serie di condotte illecite realizzate da gennaio ad aprile 2013, ma pur sempre ancora tutte da appurare.

Secondo, però, la ricostruzione effettuate dagli inquirenti la donna avrebbe ricevuto incarichi millantando conoscenze ed amicizie negli uffici giudiziari e non solo, che avrebbero permesso un rapido e vincente esito delle cause. Per questi servizi e rapporti ha chiesto ed ottenuto ingenti somme, pagate in anticipo: il danno subito dalle vittime è stato calcolato in oltre 300mila euro. Purtroppo per le vittime la sorpresa è stata di scoprire che le somme versate non avevano condotto ai risultati sperati e tanto pubblicizzati. L'avvocato Federici risulta radiata per un anno dal Consiglio Nazionale Forense e sospesa a tempo indeterminato dall’Ordine degli Avvocati di Perugia dal mese di agosto 2013.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento