menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Collegamento Roma-Fossato di Vico per importare e vendere hashish: due in carcere

Spediti a Capanne dai carabinieri. Gli spacciatori, contando sulla conoscenza del territorio e l'aiuto di terze persone, soprattutto “i consumatori finali”, avevano creato un collegamento con la capitale

Un collegamento diretto Roma-Fossato di Vico per importare l’hashish. E venderlo. Smantellato dai carabinieri di Fossato di Vico, Gualdo Tadino e Nocera Umbra un sodalizio criminale ben organizzato. A finire in carcere per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti  due pregiudicati. Gli spacciatori, contando sulla conoscenza del territorio e l'aiuto di terze persone, soprattutto “i consumatori finali”, avevano creato un collegamento con la capitale.

Il giro, però, è diventato troppo evidente. Così i carabinieri si sono messi a monitorare spostamenti e frequentazioni di un giovane imprenditore edile - M.A. di 38 anni, coniugato - il quale, approfittando degli spostamenti dalla capitale (dove vive stabilmente) al piccolo comune di cui è invece originario, aveva iniziato a trasportare con sé rilevanti quantitativi di hascisc.

L'operazione è scattata sabato scorso, in concomitanza con il passaggio della “Tirreno-Adriatico”. I carabinieri, dopo averlo pedinato, fermano l’auto condotta da P.P. (40enne, celibe, operaio nel settore cablaggi elettrici), che non ha potuto far altro che consegnare il mezzo chilo di hashish che aveva appena acquistato, diviso in cinque panetti contrassegnati dalla scritta “Rolex”.
Poi il blitz nell’abitazione del fornitore: rinvenuti altri 200 gr di hashish, anche questi con impressa la scritta “Rolex” e 1.500 euro. Tutto posto sotto sequestro.


I due, con dei precedenti, sono stati rinchiusi nel carcere di Capanne, in attesa di essere interrogati. L’operazione non termina qui. Nei guai anche G.M. - 50enne del luogo, coniugato, operaio, incensurato - , denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. I carabinieri gli hanno trovato in casa un panetto di hashish marchiato “Rolex” . 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento