rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca

Ritorno a scuola, l'Unione degli Studenti già boccia tutto: trasporti, sicurezza scuole e Regione. E annuncia: "ora decidiamo noi"

“Stamattina migliaia di studenti si sono seduti nuovamente ai banchi, solo per trovare ancora una volta edifici poco sicuri e un trasporto pubblico inaccessibile e di scarsa qualità per questo motivo ci siamo ritrovati di fronte alle scuole per denunciare la condizione in cui siamo costretti a studiare": un'altro inizio bocciato su tutti i fronti dall’Unione degli Studenti Umbria per voce di Enea Spilla, coordinatore regionale.

“Sono passati tre mesi dalla fine della scuola ma nulla sembra essere cambiato- aggiunge Margherita Boniotti, coordinatrice dell’UdS Perugia- dopo gli anni della dad, è importante una riforma complessiva del sistema scuola e ingenti finanziamenti per riparare agli anni di tagli che ci hanno portati qui. La situazione che ci siamo trovati di fronte oggi, è ancora meno giustificabile se pensiamo all’atteggiamento delle istituzioni regionali, che a seguito degli scioperi dello scorso autunno, si sono rifiutati di incontrare gli studenti, non rispondendo mai alle nostre richieste le scuole sono in rovina perché non ci avete ascoltato, ora decidiamo noi!”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorno a scuola, l'Unione degli Studenti già boccia tutto: trasporti, sicurezza scuole e Regione. E annuncia: "ora decidiamo noi"

PerugiaToday è in caricamento