Cronaca

"Vogliamo lavorare per la comunità", in tre chiedono i lavori di pubblica utilità dopo la rissa in piazza Danti

Il giudice dovrà valutare il percorso della messa alla prova e poi decidere. Per gli altri cinque imputati dei fatti del 22 maggio del 2020 si torna in aula la settimana prossima

“Vogliamo aiutare le nostre comunità”. Dopo la rissa e le violenze in centro storico il 22 maggio del 2020, appena si erano attenuate le misure di contenimento a causa del Covid-19, tre degli otto imputati hanno chiesto la messa alla prova, tramite lo svolgimento di lavori di pubblica utilità da svolgere presso enti e associazioni che hanno stilato protocolli con il Tribunale di Perugia. Gli altri cinque si affidano ai loro legali e alla decisione del giudice per l’udienza preliminare.

Sono otto le persone indagate per rissa, lesioni e percosse, difese dagli avvocati, Vincenzo Maccarone, Claudio Cimato, Francesco Falcinelli, Michele Nannarone e Michele Bromuri. Tre degli indagati sono accusati di lesioni personali gravissime (uno dei partecipanti aveva riportato la frattura della mandibola) per aver inseguito e picchiato i rivali fino in piazza Grimana.

La rissa era stata ripresa dai cellulari e quelle immagini erano finite su tutti i media nazionali, anche perché si era alla prima vera riapertura dopo il contenimento imposto dal Coronavirus. I giorni successivi erano scattate nuove misure di chiusura, imposizione di mascherine e profilassi per buona parte delle persone che erano in piazza in quel momento.

Per molti dei partecipanti alla rissa, o che comunque si erano trovati in piazza, era scattata la quarantena obbligatoria e il tampone per certificare la positività o negatività dei soggetti. Per i partecipanti alla rissa, invece, c’erano state anche perquisizioni e sequestri.

Ad una delle vittime, quella che aveva riportato la frattura della mandibola, sono stati offerti 5mila euro di risarcimento. Una proposta ritenuta inaccettabile e, quindi, respinta. La proposta di risarcimento è stata avanzata da tre degli otto ragazzi coinvolti nella rissa.

Il gup Angela Avila ha accolto richiesta di messa alla prova dei tre imputati e a metà luglio dovrà valutare se il percorso di trattamento sia valido e poi, al termine dello stesso, se positivo, dichiarare la fine del procedimento.

Quanto agli altri cinque imputati i difensori, gli avvocati Vincenzo Maccarone, Claudio Cimato, Francesco Falcinelli, Michele Bromuri, Pier Paolo Davalli e Michele Nannarone, hanno chiesto il proscioglimento dalle varie accuse mosse dal sostituto procuratore Gemma Miliani. Il giudice si pronuncerà la settimana prossima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vogliamo lavorare per la comunità", in tre chiedono i lavori di pubblica utilità dopo la rissa in piazza Danti

PerugiaToday è in caricamento