Sputi, calci e pugni tra giocatori in campo, mano pesante del giudice sportivo per la rissa

Otto giornate al calciatore violento. Cambiano due risultati per l'impiego di un fuori quota e cambi irregolari

Sputi, calci e pugni tra giocatori, impiego di calciatori fuori quota e cambi irregolari, anche questa settimana il campionario dei comportamenti sanzionati dal giudice sportivo è molto ricco.

Si inizia con il Campionato di Seconda categoria con la squalifica per cinque giornate a carico di un calciatore del Pietrafitta “perché, a giuoco fermo, attingeva con uno sputo un giocatore della squadra avversaria”.

Nel Campionato Juniores Under 19 Regionali A2 il giudice ha deciso l0 0-3 a tavolino a favore della Romeo Menti perché il Guardea avrebbe impiegato “un calciatore non avente titolo a partecipare alla gara per i raggiunti limiti di età” in quanto nato nel 1999, mentre il campionato è riservato ai nati nel 2000.

Identica decisione a favore del Mantignana Asd perché il Passignano avrebbe effettuato “6 sostituzioni, mentre il limite massimo previsto dal regolamento è di 5 sostituzioni”.

Ammenda di 150 euro per il Colombella Perugia Nord “perché alcuni tesserati prendevano parte attiva ad una rissa, scoppiata in campo provocata da un tesserato di detta società”.

Sanzione di 100 euro per il Cerbara “perché alcuni tesserati prendevano parte attiva ad una rissa scoppiata in campo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Squalifica per otto giornate per un giocatore del Colombella Perugia Nord “perché a giuoco fermo, senza alcun apparente motivo si scagliava contro un calciatore avversario cogliendolo alle spalle e facendolo cadere a terra. Dopo averlo immobilizzato sotto al peso del proprio corpo lo colpiva con molta violenza sferrandogli almeno cinque pugni al volto ed al torace”. Sei gare ad un compagno di squadra “perché colpiva a giuoco fermo con un violento calcio al petto un calciatore della squadra avversaria. Inoltre una volta espulso, mentre si allontanava dal terreno di giuoco, colpiva ripetutamente la propria panchina con calci e pugni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento