Cronaca

Fight Club alla riunione di condominio: botte da orbi per gli scherzi dei ragazzini

L'uomo è finito a processo per lesioni personali nei confronti del condomino. Ecco tutta la vicenda

Una comune riunione fra condomini  si trasforma in una rissa e finisce con una denuncia. E’ quanto accaduto nel 2012 in una piccola frazione di Perugia ed ora uno dei vicini è finito a processo con l’accusa di lesioni personali. Vittima di questa storia, un giovane all'epoca 18enne che sarebbe stato aggredito e picchiato da un padre di famiglia, difeso dall'avvocato Massimo Rolla. 

Qualche malumore, in quella convivenza fra vicinato, era già iniziata a seguito di alcuni schiamazzi notturni, rumori molesti e "scherzi del campanello" ad opera di un paio di ragazzini che si sarebbero divertiti a suonare il citofono ai vicini per poi scappare, creando fastidio alle famiglie. 

 I condomini presenti, riuniti per affrontare proprio alcuni comportamenti riguardanti la civile convivenza, avrebbero iniziato ognuno ad esporre le proprie perplessità e a circostanziare gli episodi dello scherzo del campanello ed altre “ragazzate”, riferibili ad una famiglia in particolare. Ma la madre, sentendo accusati i propri figli, avrebbe iniziato a reagire alzando i toni, negando ogni addebito dei presunti comportamenti dei ragazz

Un botta e risposta fra la donna e un condomino, avrebbe iniziato a creare qualche nervosismo, tanto da far intervenire anche il figlio dell'uomo per esortare la donna a calmarsi e ad assumere atteggiamenti più educati. Ma proprio quando la tensione sembrava placarsi, la donna esce dalla stanza e dopo poco tempo piomba nella stanza suo marito. L'uomo si sarebbe avvicinato subito al 18enne per chiedere cosa avesse detto a sua moglie, poi - secondo quanto riferito in denuncia - lo avrebbe afferrato con forza e colpito con un pugno allo zigomo e alla spalla, cagionandogli contusioni multiple con una prognosi di 10 giorni. 

Oggi la vicenda è tornata in aula e davanti al giudice Loschi hanno sfilato un paio di testimoni presenti quella sera, uno dei quali ha riferito come in realtà fosse nato un tafferuglio tra i due uomini e che sarebbero volati schiaffi "a destra e a sinistra" La prossima udienza è stata fissata a maggio con l'ascolto di altri testimoni per cercare di ricostruire cosa veramente avvenne quella sera. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fight Club alla riunione di condominio: botte da orbi per gli scherzi dei ragazzini
PerugiaToday è in caricamento