rotate-mobile
Cronaca

Rissa in Curva Nord, emessi altri 18 Daspo e misure cautelari per 3 tifosi

Prosegue l'indagine della Questura sui disordini in occasione di Perugia-Pineto: ci sarebbero tre misure di obbligo di firma

La rissa in Curva Nord allo stadio Curi, in occasione di Perugia-Pineto, costa caro alla tifoseria organizzata del Grifo. La Questura di Perugia ha emesso 18 Daspo, nei confronti di altrettanti tifosi, e per almeno tre di questi è scattata anche la misura cautelare dell’obbligo di firma (nei prossimi giorni l’udienza davanti al giudice per le indagini preliminari).

Le misure in oggetto seguono quelle a carico di tre tifosi ai quali a fine marzo è stato contestato il reato di avere lanciato "in modo da creare un concreto pericolo alle persone, strumenti per l'emissione di fumo o gas visibile ovvero oggetti contundenti o comunque atti ad offendere in direzione di altre persone". In particolare uno dei tifosi avrebbe acceso e lanciato un fumogeno, un altro scagliato un seggiolino e il terzo avrebbe lanciato un seggiolino di colore bianco e poi anche uno di colore rosso. Fatti aggravati perché tali condotte hanno comportato la sospensione della gara per tre minuti.

La Questura è arrivata a identificare i presunti partecipanti alla rissa sugli spalti, tra chi avrebbe partecipato attivamente lanciando seggiolini e tirando pugni e chi avrebbe cercato di intervenire dividendo i litiganti, attraverso i tanti filmati girati con i telefonini e trasmessi sui social. La Digos è arrivata quindi a identificare in totale 21 persone ai quali è contestata la violazione della legge sulle manifestazioni sportive.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa in Curva Nord, emessi altri 18 Daspo e misure cautelari per 3 tifosi

PerugiaToday è in caricamento