rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca

Giustizia lumaca, il Ministero non paga il risarcimento: cittadini e avvocati si rivolgono al Tar per i ritardi

Il Tribunale amministrativo impone l'osservanza della sentenza della Corte d'appello di Perugia e nomina un commissario per l'esecuzione

Lo Stato non paga i risarcimenti per la giustizia lumaca e così cittadini e gli avvocati che li hanno difesi, sono costretti a citare il Ministero davanti al Tribunale amministrativo regionale per farsi pagare, i primi il risarcimento, i secondi le parcelle.

Due avvocati del foro di Perugia e una cittadina vittima della giustizia lumaca, assistiti dall’avvocato Chiara Camilletti, si sono rivolti al Tar chiedendo il rispetto delle imposizioni della Corte d’appello di Perugia che ha condannato il Ministero a pagare “a titolo di equa riparazione per l’irragionevole durata del processo” instaurato davanti al Tribunale di Perugia nel 2009 e concluso oltre 10 anni dopo, “la somma di 2.640 euro oltre agli interessi legali dalla domanda al saldo”, liquidando anche le spese legali a favore degli avvocati.

I giudici amministrativi hanno dato ragione ai ricorrenti riconoscendo che non vi sono “ragioni per denegare la richiesta esecuzione per quanto attiene alla somma liquidata a titolo di danno non patrimoniale”, disponendo il pagamento entro 90 giorni e nel “caso di inadempienza, il Tribunale nomina sin d’ora quale commissario ad acta il dirigente responsabile dell’Ufficio I della Direzione generale degli affari giuridici e legali del Ministero resistente, con facoltà di delega ad altro funzionario del medesimo Ufficio”.

I magistrati del Tar hanno condannato il Ministero al pagamento delle spese processuali, liquidate in 500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giustizia lumaca, il Ministero non paga il risarcimento: cittadini e avvocati si rivolgono al Tar per i ritardi

PerugiaToday è in caricamento