menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prestito con un tasso di interesse al 70%: rinviati a giudizio due presunti usurai

A fronte di un debito di 8mila euro, marito e moglie avrebbero firmato ai presunti usurai trentasei cambiali di 400 euro l'una

Un prestito che si sarebbe trasformato in un vero e proprio incubo per una coppia di cittadini stranieri, residenti in Umbria e parti offese nel processo che vede imputati due uomini, oggi rinviati a giudizio. Per loro il processo si aprirà il prossimo 13 novembre. Secondo l'accusa, "in concorso tra loro si facevano prima promettere e successivamente dare interessei usurai". 

Sono tassi usurai oltre il 70 per cento, quelli contestati ai due uomini-di cui uno difeso dall'avvocato Delfo Berretti: a fronte  di un prestito di 8mila euro per finanziare l'acquisto di una macchina nel corso del 2008, avrebbero fatto firmare alla coppia trentasei cambiali di 400 euro, a cadenza mensile. Le cambiali sarebbero state onorate per un certo periodo di tempo, poi avendo la coppia perso il lavoro, avrebbe  interrotto i pagamenti.

A seguito dell'arresto di uno degli imputati, sarebbe stato un amico a provvedere il ritiro delle somme (secondo la difesa, inconsapevolmente rispetto alla vicenda). Durante le indagini furono ritrovati appunti relativi a situazioni debitorie, titoli di credito a scadenza o incassati. Per gli imputati si aprirà il processo nel 2018. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento