Via Cestellini, dopo il taglio della vegetazione sulla scarpata... si nota meglio lo scempio

Riceviamo e pubblichiamo questa nota dove si segnala una storia fatta di degrado, maleducazione e interventi che tardano ad essere messi in campo per sanare questo scempio. Siamo in via Cestellini a Ponte San Giovanni

Riceviamo e pubblichiamo questa nota dove si segnala una storia fatta di degrado, maleducazione e interventi che tardano ad essere messi in campo per sanare questo scempio. Siamo in via Cestellini a Ponte San Giovanni.

****
di Gino Gotti

L'ignoranza e la maleducazione della gente non ha limiti, ma anche l'indolenza di chi interviene a sanare i lati delle strade invasi dalla vegetazione, tagliando arbusti, alberi ed erbacce e lasciando tutto sul posto va messa in evidenza. La foto mostra ciò che rimane su un lato della centralissima Via Cestellini che corre lungo il raccordo della superstrada. Siamo a trecento metri dal CVA e dalla chiesa parrocchiale, a duecento da un parco giochi per bambini, nella zona che dovrebbe ospitare i nuovi uffici comunali. 

C'è di tutto: bottiglie, cartacce, copertoni, taniche, abiti, lattine. Il grosso, cioè i tronchi degli alberi più grossi, sono stati recuperati da qualche abitante per rifornire la propria legnaia. Ma il “tritume”, gli oggetti lanciati da automobilisti o abbandonati da pedoni è rimasto lì da giorni come i mucchi di rami fogliosi che non servono a nessuno per il fuoco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' una vergogna, prima di tutto per chi inquina i lati delle strade che dovrebbe essere individuato e multato sonoramente (magari con l'alternativa di raccogliere quanto gettato) e per chi è incaricato di sanare zone inquinate intervenendo sono superficialmente. In Umbria, forse non tutti lo sanno, un'azienda che si chiama “scavafossi” che produce anche macchine per fare questi specifici lavori di manutenzione  che taglia, raccoglie e ricicla direttamente arbusti ed erbacce. Ma il 98% della loro clientela è estera e non per scelta aziendale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento