Rifiuti, camion fermi e discariche vietate: a rischio la raccolta

Non c'è la deroga del Governo per poter continuare a conferire in discarica. La legge prevede dal 2006 di bruciare. Perugia è senza "forno". Si rischia immondizia in strada

Il 50 per cento dei rifiuti di Perugia e dell'area del Trasimeno è fermo dall'inizio dell'anno nei vari siti di raccolta. E i nuovi rifiuti indifferenziati rischiano di non essere portati via sia dai cassonetti che nella raccolta porta a porta. Il tutto senza sapere quando la situazione potrà essere riportata alla normalità. Il motivo: la mancata deroga nazionale e quindi anche per l'Umbria da parte del Governo Monti il divieto di per poter continuare a portare l'indifferenziata in discarica.

La deroga è fondamentale per aggirare la legge che nel 2006 obbliga al trattamento termico della grandissima parte di scarti. In Provincia di Perugia non c'è un bruciatore e in moltissimi (tra cittadini e forze politiche) a causa del rischio diossina non lo vogliono. Ma la differenziata si attesta ancora al 50 per cento e quindi la discarica di Borgo Giglione a Corciano è fondamentale, come le altre che non sono ancora state completamente esautorate. La deroga scattava in automatico ogni fine dell'anno.

Ma stavolta, complice forse anche il clima elettorale, non è accaduto. Le lamentele dei sindaci e degli utenti hanno fatto scattare la richiesta di chiarimenti al Governo sui tempi da parte della Regione per evitare di trovarsi tra poco rifiuti in strada e centri di raccolta come quello di Ponte Rio traboccanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si respira comunque ottimismo nell'assessorato di Silvano Rometti: “La Regione si è direttamente attivata nei confronti del Governo per una sollecita approvazione del decreto, con il quale il Ministero dell’Ambiente autorizza il conferimento dei rifiuti in discarica, un atto che figura all’ordine del giorno dell’odierna riunione del Consiglio dei Ministri”. Non ci sarebbe in vista nessun "default dell’immondizia”. Ma della proroga non si hanno ancora notizie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento