menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Funghi velenosi a Perugia, 3 ricoveri al Santa Maria della Misericordia

Ancora casi di ricoveri per intossicazione da funghi al Santa Maria della Misericordia di Perugia. Domenica, una famiglia di tre persone si è presentata spontaneamente al Pronto Soccorso

Non si ferma il fenomeno intossicazione da funghi, notizia che in questo periodo è diventata ricorrente in maniera preoccupante. Ancora  ricoveri, ancora imprudenza e superficialità nel fidarsi di una supposta esperienza in quanto a commestibilità dei funghi.

Sabato era toccato ad una coppia di Magione di 70 anni, ancora ricoverati in Medicina del Lavoro per i postumi dei disturbi classici da avvelenamento da funghi: vomito, dolori intestinali. Domenica alle 16 di sono presentati direttamente al Pronto Soccorso del Santa Maria della Misericordia, tre persone della stessa famiglia, residenti a Perugia, marito e moglie di 70 anni ed il figlio di 36.

Dopo le prime cure, sono stati trattenuti in Ospedale e ricoverati nel Reparto di Osservazione Breve. Le loro condizioni non sono gravi, i tre,  hanno riferito i medici in servizio al Pronto Soccorso, tramite l’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera, avevano consumato il pranzo a casa, certi, avendo colto i funghi direttamente, di non correre alcun pericolo. Le fastidiose conseguenze solo due ore dopo il pranzo, la corsa in ospedale ed il ricovero.

"Bisognerà correre ai ripari- ha commentato il Dottor Mario Capruzzi Direttore del Pronto Soccorso del S.Maria della Misericordia- gli appelli non bastano più, occorrerà che scendano in campo anche i medici di base, i medici delle Farmacia.Per evitare assembramenti in Ospedale e spese per farmaci e ricoveri, è indispensabile far fronte comune, prima che il fenomeno diventi ingestibile",

IL CASO DI CITTA' DI CASTELLO-Due cittadini ucraini sono stati ricoverati a Città di Castello, dopo aver mangiato dei funghi. I due stranieri, una donna di 45 anni ed un ragazzo di 30 erano stati trasferiti in rianimazione, prima di essere trasportati d'urgenza a Roma.




 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento