menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprenditore umbro indagato per la ricostruzione post terremoto: tutta la vicenda

L'indagine era nata a seguito delle ipotesi di violazione alle norme che regolano la ricostruzione post terremoto nell’ambito dei venti comuni rientranti nell’UTR

La vicenda appare scabrosa se pur ancora tutta da accertare, dato che siamo ancora solo nella fase iniziale. Ad essere raggiunto da misura cautelare, lo scorso 29 aprile, un imprenditore di Santa Maria degli Angeli rimasto coinvolto nell'inchiesta sulla ricostruzione post terremoto. A quindici giorni di distanza l'avvocato del noto imprenditore ha depositato il riesame chiedendo di fatto la revoca della misura cautelare.

I fatti - In tutto 40 gli agenti della Forestale che furono impegnati lo scorso 29 aprile nell'operazione. L'indagine era nata a seguito delle ipotesi di violazione alle norme che regolano la ricostruzione post terremoto nell’ambito dei venti comuni rientranti nell’UTR (Ufficio Tecnico Ricostruzione) n° 5 di Bussi sul Tirino (Pescara) che dipende dall’Ufficio Speciale per la ricostruzione di Fossa di L’Aquila.

L’attività investigativa fece emergere una rete di conoscenze e connivenze tra vertici dell’UTR di Bussi sul Tirino, alcuni imprenditori impegnati nella ricostruzione, presidenti dei consorzi di proprietari ed altri soggetti interessati a beneficiare dei fondi per la ricostruzione privata degli edifici danneggiati dal sisma del 2009.

Grazie ad ipotesi di connivenze con ditte “amiche” venivano pagati stati di avanzamento dei lavori, per centinaia di migliaia di euro, senza che queste ultime fossero in regola con il DURC, altri documenti di tipo amministrativo, oppure alcune tempistiche previste dalla normativa della ricostruzione.

Nel corso delle indagini venne riscontrato, sempre stando alle indagini, ad esempio che i DURC a volte non venivano presentati, oppure erano scaduti o irregolari, ovvero relativi a lavori diversi o erano falsificati. Tra i particolari degli atti dell’inchiesta emergerebbe l’assunzione della figlia del Responsabile UTR in una delle aziende agevolate nei pagamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento