Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Valigetta piena di soldi nell'armadio, ma la giustificazione non regge: sotto processo per ricettazione

I Carabinieri erano andati ad effettuare una perquisizione mirata, ma hanno trovato altro

Trovato in possesso di una valigia piena di soldi, ma la giustificazione data non regge e finisce sotto processo per ricettazione.

Un uomo, difeso dagli avvocati Gianni Dionigi e Monia Falaschi, è finito sotto processo con l’accusa di ricettazione dopo che i Carabinieri lo hanno trovato in possesso di una valigetta piena di soldi.

I militari si erano recati a casa dell’imputato alla ricerca di tutt’altro, sulla base di un decreto di perquisizione. Rovistando tra cassetti e armadi, i Carabinieri avevano trovato, appunto, un mucchio di soldi all’interno di una 24 ore.

L’uomo aveva fornito una spiegazione: comperare dei frigoriferi nuovi. Per conto di chi, per, non era stato in grado di dirlo. Per questo i militari avevano sequestrato tutto e denunciato l’uomo.

La difesa ha puntato tutto sul giudizio abbreviato e alla derubricazione del reato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valigetta piena di soldi nell'armadio, ma la giustificazione non regge: sotto processo per ricettazione
PerugiaToday è in caricamento