Crisi e famiglie allo sbando, fare l'assistente sociale è un rischio: minacciati con un'arma, picchiati e umiliati

I dati che in Umbria emergono dai questionari redatti dagli assistenti sociali sono allarmanti e dimostrano come sia sempre pià difficile lavorare in questo contesto

La crisi economica che porta le famiglie alla disperazione, i fondi per il sociale sempre di meno, la guerra tra famiglie povere italiane e straniere e la totale sfiducia nelle istituzioni. E' questo il mix sociale-economico che ha trasformato un lavoro complesso come quello degli assistenti sociali in un lavoro pericoloso dove si rischia la propria incolumità fisica. I dati che in Umbria emergono dai questionari redatti dagli assistenti sociali sono allarmanti e dimostrano come sia sempre pià difficile lavorare in questo contesto: solo 25 dichiarano di non aver mai subito violenze o minacce, quindi si parla di un fenomeno (inteso come minacce-intimidazioni-aggressioni verbali mentre sono più rari i casi di aggressioni fisiche a sé o ai propri beni) diffuso per il 95% del campione.  I professionisti che hanno risposto al questionario sono per lo più donne, il 91,1% (il fenomeno interessa però indistintamente uomini e donne), maggiormente con esperienza lavorativa tra i 10 e i 19 anni (il 42,1% del campione), impegnati principalmente nel settore della tutela minorile (ambito Minori e famiglie, 30% con l’ambito disabili al secondo posto, 17%).  

Sul capitolo delle diverse forme di violenza subite, sono vari gli elementi emersi. In particolare solo il 10% degli assistenti sociali ha dichiarato di non aver mai ricevuto minacce, intimidazioni o aggressioni verbali. Riguardo i casi più gravi, quelli di violenza fisica contro il professionista, il 15,4% (pari a 38 persone) ha dichiarato di essere stato aggredito fisicamente nell’arco della propria esperienza professionale, e il 4% (10 assistenti sociali) ha dichiarato che l’aggressore ha utilizzato un oggetto o un’arma. In questo contesto, che si compone di numerosi altri dati, si manifesta una ampia dimensione della paura dei professionisti di subire violenza: 5 professionisti hanno dichiarato di temere per la propria incolumità  ogni giorno, 70 temono per sé o propri familiari una volta al mese (28,3%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte delle segnalazioni, percentuali basse per quanto concerne il capitolo più delicato, quello della violenza fisica: il 18,5% del campione, pari a 20 persone, ha segnalato al proprio ente gli episodi, nessuno al proprio ordine professionale e solo l’8,9% (pari a 9 persone) all’autorità di pubblica sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento