Psichiaria, dal famigerato "repartino" di Monteluce ad una struttura con tanto di Cinema

Nella vecchia struttura di Monteluce i pazienti e il personale erano rimasti fermi agli incubi degli anni '70, ora nella nuova struttura di San Sisto si punta a terapie e accoglienza in grado di rispettare lavoratori e ammalati


"Giù al nord” del 2008, un film diretto da Dany Boon, che tratta i temi degli stereotipi, dei pregiudizi, del cambiamento come opportunità per mettersi alla  prova, dove viene sviluppato il sentimento dell’amicizia ad inaugurare la  nuova sala cinematografica del Reparto di Degenza Psichiatrica , che da quasi  due anni è collocata all’interno del S.Maria della Misericordia. Un impianto  di proiezione ed uno schermo simile a quelli delle sale cinematografiche  tradizionali, acquisito grazie al contributo della Gesenu, con le maestranze dell’ufficio tecnico dell’ospedale. 

"I film scelti contengono argomenti cardine,che spono poi oggetto di una  discussione con i pazienti", ha detto la Dottoressa Federica Cirimbilli, che ha  potuto acquisire oltre 30 pellicole( tra queste molte vedono come protagonista  Totò e Alberto Sordi) con il contributo del Comitato Chianelli. Alla inaugurazione tra i pazienti e gli operatori sanitari c’era anche il  sindaco di Perugia Wadimiro Boccali, che si era impegnato per il trasferimento  del Reparto da Monteluce al Polòo Unico :” Mi compiaccio con questa ulteriore  iniziativa realizzata per accrescere i bisogni di pazienti che meritano l'  impegno e la professionalità di quanti operano in questo settore del  servizio sanitario pubblico.

Per noi amministratori era un obbligo  restituire dignità al servizio di degenza psichiatrico, nel rispetto della  storia della nostra città e della psichiatria che proprio a Perugia ha visto  crescere modelli che sono stati adottati in molte altre analoghe realtà del  paese”. Boccali è stato salutato dal direttore generale dell’ Aziwenda  Ospedaliera e Waler Orlandi e dagli operatori del Reparto, con il Prof Roberto  Quartesan che è intyervenuto per illustrato le numerose attività riguardanti  progetti di riabilitazione psicosociale dei degenti. All’incontro era presente  anche il Responsabile del Centro di Salute mentale del Trasimeno Dottor 
Gianfranco Salierno, per rimarcare la necessità di integrare l’attività del  Reparto Ospedaliero con i servizi territoriali psichiatrici. Il sindaco Boccali  ha promesso di tornare presto tra gli operatori e i pazienti:” Mi sento molto  vicino come amministratore e come cittadino a questa struttura di degenza:  quando avevo venti anni, e facevo parte di una band, spesso abbiamo allietato  le giornate dei pazienti al vecchio reparto di Monteluce. Alla fine ci  sentivamo realizzati.

Il sindaco Boccali nello stesso pomeriggio ha anche visitato una nuova sala  nella S.C. di Pediatria realizzata per accogliere le mamme già dimesse che  potranno così allattare i nati prematuri e mantenere più stretta la relazione 
mamma-bambino, considerata importante per lo sviluppo psicofisico del  neonato. Come ha spiegato il Responsabile della Struttura pediatrica Prof  Giancarlo Barboni , si è trattato di riservare uno spazio esclusivamente  dedicato alle mamme, che hanno la possibilità di restare in un ammbiente  accogliente ed usufruire della massima privacy. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

Torna su
PerugiaToday è in caricamento