menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Determina secretata per non far conoscere la spesa...": Nuovo caso in Regione

Un atto dirigenziali, o meglio determina, segretata e con il divieto di renderla pubblica, e quindi consultabile dai cittadini, sul sito della Regione. A scoprirla il consigliere regionale Gianluca Cirignoni

Un atto segretato, dove - secondo la denuncia - vi sarebbe specificato di non pubblicarlo assolutamente sul sito della Regione, non potendo renderlo così visibile ai cittadini. Quei 7 mila euro destinati alla pro loco di Morra,  località tifernate di 300 anime, "non dovevano infatti diventare di dominio pubblico". A dirlo, o meglio urlarlo, il consigliere regionale di Lega Nord, Gianluca Cirignoni, che punta così il dito contro l’assessore regionale Fernanda Cecchini che, a suo dire, appunto, con l’atto dirigenziale (in gergo tecnico “determina”) numero 10570 del 30 dicembre 2013, avrebbe disposto come contributo regionale i suddetti soldi alla piccola località.

Un attacco diretto quello dell’esponente del Caroccio che fa il punto della situazione: "I 7mila euro sono stati attribuiti alla pro loco del ‘paesino’ dell'assessore regionale all'agricoltura per la realizzazione d'iniziative promozionali del territorio regionale, delle produzioni agroalimentari e dell'offerta agrituristica. Un contributo di tutto rispetto – rileva Cirignoni - se si tiene conto che con lo stesso atto la giunta  ha assegnato complessivamente 39mila 500 euro, di cui 18mila in tutto divisi tra i Comuni di San  Giustino, Norcia e Città della Pieve”.

Il capogruppo della lega Nord ricorda inoltre che “poco meno di due mesi fa l'assessore Cecchini con determina 1092 del 7 ottobre aveva destinato 15mila euro sempre alla pro loco di Morra, per la promozione della locale Sagra della Castagna. In quell'occasione però dopo una nostra interrogazione urgente, con la quale chiedevamo le  motivazioni per le quali la sagra locale era stata paragonata per importanza alla  manifestazione Eurochocolate,  i fondi già destinati dalla Regione furono ritirati in tutta fretta subito dopo il nostro intervento, accampando quella che appare come una debolissima scusa: difficoltà organizzative che fino a pochi giorni prima non c'erano”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento