Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

Regali e sponsorizzazione di convegni per ottenere l'acquisto di presidi sanitari: medici e rappresentati nei guai

Operazione della Guardia di finanza di Catania, misure e perquisizioni anche a Perugia

La Guardia di finanza di Catania ha eseguito nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Perugia, un’ordinanza con cui il giudice per le indagini preliminari ha disposto l’applicazione di misure cautelari personali nei confronti di 9 soggetti tra medicie  e rappresentanti di società di distribuzione locale di multinazionali produttrici di dispositivi medici, a vario titolo indagati in concorso per i reati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio.

Le indagini sono nate a seguito dei controlli a contrasto degli sprechi di risorse pubbliche che avrebbero inizialmente fatto emergere come il Policlinico “G. Rodolico – San Marco” di Catania avesse effettuato affidamenti per l’acquisto di dispositivi medici, nell’ambito di gare aziendali di bacino o della Centrale Unica di Committenza della regione siciliana, accordando alle ditte aggiudicatarie un prezzo risultato più elevato rispetto alle quotazioni dei medesimi dispositivi indicate nell’accordo quadro CONSIP.

Le ulteriori investigazioni svolte, anche mediante attività tecniche, avrebbero evidenziato un più ampio sistema dedito alla commissione di diversi atti corruttivi ad opera di dirigenti sanitari e rappresentanti delle società di distribuzione locale di multinazionali produttrici di dispositivi medici, utilizzando lo schermo delle sponsorizzazioni economiche di eventi formativi medici. In particolare, sulla scorta degli elementi indiziari acquisiti nell’attuale fase del procedimento in cui non si è ancora instaurato il contraddittorio con le parti, sarebbe stato osservato che alcune società distributrici locali per conto di multinazionali operanti nel settore - avrebbero promesso e poi elargito ingenti somme di denaro per l’organizzazione da parte dei citati dirigenti sanitari, operanti in strutture sanitarie della Sicilia orientale, di convegni e congressi di medicina finalizzati alla formazione, l’ultimo dei quali svoltosi a Catania nel mese di maggio.

Nei fatti, dette sponsorizzazioni economiche avrebbero avuto lo scopo di ottenere in cambio l’impegno degli stessi di favorire le “ditte più generose” garantendogli l’uso effettivo di un numero maggiore di propri dispositivi medici nel corso degli interventi chirurgici. Le stesse imprese sarebbero risultate aggiudicatarie delle gare aziendali, di bacino o della CUC regione siciliana per l’acquisto di propri dispositivi medici. Si tratta di affidamenti caratterizzati da lotti a consumo che consentirebbero al Direttore dell’U.O.C. o del Dipartimento di incidere, con le sue decisioni e il suo operato, sulla quantità e sulla tipologia di dispositivi medici da far acquistare all’azienda ospedaliera di riferimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regali e sponsorizzazione di convegni per ottenere l'acquisto di presidi sanitari: medici e rappresentati nei guai
PerugiaToday è in caricamento