menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prende il reddito di cittadinanza, ma non possiede i requisiti: indagato

L'uomo avrebbe attestato falsamente di risiedere in Italia da due anni, ma era da poco tornato dall'estero

Prende il reddito di cittadinanza, ma non ne ha diritto e finisce sotto processo.

La Procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio per un 70enne, difeso dall’avvocato Pietro Gigliotti, con l’accusa di aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza.

Secondo l’accusa l’uomo non aveva tutti i requisiti per poter usufruire dell’assegno mensile in quanto avrebbe dichiarato falsamente la residenza in Italia da almeno due anni. Dagli accertamenti della Guardia di finanza, invece, sarebbe emerso che “al momento della presentazione” della domanda, l’uomo non risiedeva nella Penisola da due anni, essendo rientrato dal sud est asiatico all’inizio del 2019.

Per la Procura è un reato, per l’uomo e il suo avvocato un errore al quale ha cercato di porre rimedio, presentandosi all’Inps e chiedendo la sospensione dell’assegno.

La burocrazia, però, ha dovuto prima accertare l’eventuale illecito (o errore) e poi fermare tutto; ma a quel punto era scattata la segnalazione alla Finanza.

A riprova che, comunque, l’uomo non avesse reddito, la sottoscrizione di un parroco e della Caritas che lo avevano aiutato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento