Rapina in villa, Cosmi vuole la rivincita contro i banditi: fu minacciato con una pistola

Richiesta di parte civile da parte di Serse Cosmi, ex mister del Perugia, che nel gennaio 2011 fu preso in ostaggio con tutta la sua famiglia da una delle bande di albanesi più pericolosa e specializzata in rapine in villa

Serse Cosmi vuole la rinvicita (legale) contro la banda di criminali che rapinò la sua villa minacciandolo e rinchiudendolo in un armadio a muro insieme alla sua famiglia. Per questo l'ex Mister del Perugia si è presentato in tribunale per la richiesta di "parte civile" contro la banda di albanesi che è stata fermata dalle forze dell'ordine per vari furti in villa. La richiesta sarà esaminata dal Gup Luca Semeraro nell'ambito della richiesta di rinvio a giudizio degli indagati. La rapina risale al gennaio 2011

Gli stranieri - secondo gli inquirenti - avevano fatto irruzione nella casa sfondando una vetrata. Portando poi via circa 5 mila euro in contanti, orologi Rolex, collane, bracciali, ciondoli, anelli e orecchini vari, alcuni con pietre preziose, un trolley e una borsa.

Tutta la famiglia Cosmi, presente in casa, fu in balia dei criminali: l'ex Mister del Siena era stato minacciato di morte con pistole, percosso rinchiuso a chiave insieme alla moglie e alla figlia in una cabina armadio, dopo essere stato privato dei cellulari.
 

LA BANDA DI OCCHI DI GHIACCIO -  Dopo la rocambolesca fuga dal carcere romano di Regina Coeli, Altin Hoxha, conosciuto come il famigerato "occhi di ghiaccio" è stato arrestato dagli uomini della Squadra Mobile di Roma, in collaborazione con l’Interpol e la polizia albanese, proprio nel suo paese di origine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occhi di ghiaccio, è finito tra le pagine delle cronache umbre, per essere considerato il presunto responsabile di alcune rapine in villa, tra le quali il furto ai danni dell'abitazione dell'allenatore Serse Cosmi e per un presunto avvistamento a Ramazzano, in relazione all'omicido di Luca Rosi. Lo straniero è stato fermato a Valona, in Albania e negli ambienti criminali è rinomato per la sua freddezza ed indicato dalle vittime delle rapine come "l'uomo dagli occhi di ghiaccio" .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento