Ruba un'auto e poi mette su Instagram un video delle sue notti brave: condannato 20enne

Il giovane di Forlì ha seminato il panico ad Assisi: rapine e furti

Il Tribunale di  Perugia ha emesso un ordine di carcerazione per la condanna definitiva a 2 anni e 6 mesi di reclusione per la rapina e per gli altri furti commessi in Assisi da un giovane di Forli - 20 anni - che ion pochi giorni a seminato il panico nella città del Poverello. Ai bagni della stazione ferroviaria ha puntato il coltello alla gola di un uomo per farsi consegnar ele chiave della vettura, il portafogli e il telefonino.

Poi è fuggito prendendo l'auto. Il giovane, dopo diversi notti brave, ha commesso un grave errore: ha pubblicato su istragram il video che lo mostrava all’interno dell’auto rapinata con in mano le banconote e il telefono cellulare della vittima. Immediate le manette dei Carabinieri scono scattate anche perchè i sospetti, negli ultimi tempi, si erano concentrati su di lui.

Dal successivo esame dei filmati registrati dalle telecamere di sicurezza del Comune di Assisi, hanno consentito agli investigatori di ipotizzare a carico del 20enne forlivese anche la realizzazione di due furti su altrettante autovetture in sosta, commessi in orari immediatamente precedenti a quello della rapina. Proprio in uno di questi due veicoli colpiti il giovane si procurò il coltello – una sorta di pugnale – utilizzato poi per minacciare l’anziano. Ora la condanna del Tribunale e il ritorno in carcere a Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'11 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento