menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinano e picchiano un uomo anziano: finisce in manette una minorenne

Le ricerche sono partite non appena la vittima ha lanciato il "grido dall'allarme". A portare avanti le indagini carabinieri di Città della Pieve che hanno beccato i responsabili poco dopo

Le ricerche di quella Ford Focus, dove a bordo si trovavano i responsabili di una rapina, erano partite immediatamente su tutto la zona dell’orvietano. A lanciare l’allarme, ieri (2 dicembre), intorno all'ora di pranzo, un signore anziano di Parrano (TR), che, nel corso dell’aggressione, era stato ferito, riportando lesioni giudicate guaribili in trenta giorni dai sanitari dell’ospedale di Orvieto.

L’autovettura ricercata, dopo non essersi arrestata all’alt dei militari dell’Aliquota Radiomobile, che stavano effettuando un posto di controllo nella frazione Po’ Bandino, ha continuato la sua fuga verso “Caselunghe”. I militari di Città della Pieve non hanno però mollato la presa, inseguendola in una folle corsa su stradine sterrate. 

A quel punto, vedendo che non c’erano più speranze, tutti e quattro gli occupanti sono scesi dall’auto, tentando di far perdere le proprie tracce nelle campagne circostanti, ma i militari sono riusciti comunque a bloccarne due, una ragazza e un ragazzo. I giovani sono stati accompagnati negli uffici della Stazione, dove i successivi accertamenti hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda.

Inoltre, grazie alla collaborazione con i colleghi della Stazione di Fabro è possibile acquisire elementi utili di colpevolezza nei confronti della ragazza, minore d’età e domiciliata presso un campo nomadi di Roma. Nel frattempo, altre autopattuglie delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia pievese hanno continuato la caccia degli altri due complici, senza purtroppo aver successo.

Al termine di tutte le indagini, la giovane è stata arrestata per il reato di rapina aggravata in concorso, mentre il ragazzo, sul quale gli elementi di reità non erano altrettanto certi, è stato denunciato in stato di libertà. Restano ancora chiaramente in atto le indagini per individuare i complici, che sono, per il momento, riusciti a scappare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento