menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccordo Perugia-Bettolle da incubo: sei mega cantieri pronti a partire in contemporanea

I lavori sul raccordo Perugia-Bettolle cominceranno il 9 novembre prossimo sul viadotto Genna e sulla galleria Volumni. Gli altri interventi, che cominceranno dopo i primi due, riguardano il viadotto Ellera e le gallerie Prepo e Passignano

I lavori sul raccordo Perugia-Bettolle per la manutenzione e l'ammodernamento della rete stradale cominceranno il 9 novembre prossimo sul viadotto Genna e sulla galleria Volumni: il ministero dei Trasporti e quello delle Finanze hanno concesso ad Anas 33 milioni di euro per le strade umbre, 20 dei quali per il raccordo. Gli altri interventi, che cominceranno dopo i primi due, riguardano il viadotto Ellera e le gallerie Prepo e Passignano.

Si tratta di interventi "di tipo strutturale, non di restyling di qualche giorno", ha spiegato il capo compartimento Anas dell'Umbria, ingegner Raffaele Celia, nell'audizione di ieri in Seconda commissione del consiglio regionale, "e non si possono eseguire a tappe, uno dopo l'altro, perché ci vorrebbero anni".
Se non messi in atto urgentemente i lavori, si rischia la decadenza dei finanziamenti, tutti compresi nel Piano di manutenzione straordinaria di ponti, viadotti e gallerie, nell'ambito del Decreto Sblocca Italia del settembre 2014. L'ingegner Celia - riferisce un comunicato della Regione - ha spiegato ogni tratto oggetto di intervento "necessita di sette o otto mesi di lavoro. Abbiamo ottenuto una certa elasticità dagli appaltatori ma eventuali lavori notturni comporterebbero un aggravio di costi di circa 600 mila euro".
 

"I due viadotti di Madonna Alta e Ponte San Giovanni - ha spiegato ancora -  sono stati individuati fra quelli prioritari in quanto al di sotto di entrambi si sviluppa una consistente rete di viabilità comunale". Tra gli altri interventi, per tutte le gallerie è prevista la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione a Led, il rivestimento delle pareti con pannelli illuminotecnici, l'installazione di segnaletica luminosa utile in caso di emergenza e di pannelli a messaggio variabile, oltre al rifacimento dell'impianto elettrico. Saranno realizzati un impianto antincendio con rilevamento automatico, un impianto di videosorveglianza e colonnine Sos con collegamento telefonico, oltre al ripristino della segnaletica. Tutto sarà monitorato 24 ore su 24 dalla sala operativa Anas di Ponte San Giovanni, connessa con le sale operative di polizia, vigili del fuoco e altri soggetti tra forze dell'ordine e servizi per chi guida.

"La programmazione dei cantieri - ha messo in evidenza Celia - è pianificata in coordinamento con la prefettura, il Comune di Perugia e la polizia stradale, cercando di contenere i disagi alla circolazione ma considerando che bisogna prima demolire le barriere dei viadotti e i vecchi impianti delle gallerie e tecnicamente è impossibile suddividere le lavorazioni in singole fasi di breve durata o limitare le lavorazioni al solo periodo estivo, tanto meno all'orario esclusivamente notturno. Inoltre, trattandosi di 6 cantieri, tutti di lunga durata, che interessano tratti ravvicinati tra loro e tutti a ridosso dell'area urbana, non è ipotizzabile eseguire un solo cantiere alla volta, poiché prolungherebbe per anni la presenza di un cantiere nel medesimo tratto critico del raccordo".

E' stato quindi elaborato e condiviso con gli enti interessati un piano di gestione del traffico e delle emergenza, per consentire una risposta adeguata al verificarsi di eventi con ricadute pesanti sul traffico durante lo svolgimento dei lavori. Il piano stabilisce le misure da adottare per fronteggiare tali situazioni critiche, in coordinamento con polizia stradale, vigili del fuoco, comitato operativo viabilità, protezione civile, agenzie di soccorso meccanico. La sala operativa compartimentale Anas monitorerà la situazione del traffico 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, compresi Natale e Capodanno, con l'ausilio di telecamere poste lungo il tracciato e sui mezzi Anas, in stretto collegamento con le Forze dell'ordine. La tempestività dell'informazione sarà garantita da pannelli a messaggio variabile, sia fissi che mobili, dal Cciss e dai mezzi di informazione.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento