Cronaca

Recupero fauna selvatica, arriva il test per verificare le conoscenze dei cittadini

È stato realizzato anche un questionario per i più piccoli, in modo tale che anche loro possano dare il proprio contributo alla ricerca, essendo spesso i più sensibili e acuti quando si parla di ambiente e animali

Il prossimo fine settimana all’Isola Polvese, in occasione della manifestazione di divulgazione scientifica “L’Isola di Einstein” sarà distribuito un questionario sul recupero della fauna selvatica ferita o in difficoltà realizzato dalla Provincia e dall’Università di Perugia. Lo scopo è quello di valutare il grado di conoscenza del fenomeno e sensibilizzare l’opinione pubblica.

 “L’idea – spiegano i realizzatori del progetto - è partita dalla richiesta di collaborazione della studentessa Marta Duca agli uffici provinciali come parte dell’elaborazione della tesi di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Naturalistiche e Ambientali dal titolo ‘Recupero della fauna selvatica in Umbria’. Il questionario si sviluppa in tre sezioni: la prima in cui si raccolgono i dati generici e informativi dell’intervistato, la seconda in cui si pone l’attenzione sulle modalità da utilizzare in caso di ritrovamento di fauna selvatica ferita e sui Centri di Recupero per Animali Selvatici, mentre l’ultima sezione riguarda eventuali esperienze personali dell’intervistato. È stato realizzato anche un questionario per i più piccoli, in modo tale che anche loro possano dare il proprio contributo alla ricerca, essendo spesso i più sensibili e acuti quando si parla di ambiente e animali”.

La presenza a “L’Isola di Einstein” è soltanto la prima tappa della partecipazione con il questionario ad eventi pubblici che si terranno in Umbria. I dati, una volta raccolti, permetteranno di ottenere dati statistici che saranno presentati nella tesi di laurea e utili anche alla formazione di progetti di educazione ambientale.

“Tutto il territorio umbro – spiegano ancora i realizzatori del progetto - ospita numerose specie animali e per questo è importante mantenere ed accrescere quella sensibilità per le tematiche ambientali che si è sviluppata dalla seconda metà del 1900 e che ha consentito di investire risorse pubbliche nell’istituzione di numerosi parchi regionali e di un parco nazionale. In questa occasione si è confermata la validità della collaborazione fra Istituzioni e Università degli Studi di Perugia sia per lo studio del territorio e della fauna umbra, sia per il contributo volontario di studenti alla divulgazione scientifica utile alla collettività”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recupero fauna selvatica, arriva il test per verificare le conoscenze dei cittadini

PerugiaToday è in caricamento