Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Quella scalinata impraticabile di via Piervittori sta tornando a nuova vita. Merito del Comune

Non c’è che da plaudire a un’operazione indispensabile, di cui si è finalmente compresa l’urgenza

Quella scalinata impraticabile di via Piervittori sta tornando a nuova vita. Merito del Comune di Perugia che risponde, dopo anni di inerzia, alle sollecitazioni di residenti e non. La lunga scalinata collega il corso dell’Elce, via Annibale Vecchi, con la sottostante via Fratelli Purgotti. Anche se erta, è utile a collegare la zona di Via Calindri, via Torelli e San Galigano con la parte alta del quartiere. Considerando che nel palazzo appartenente alla Provincia (già sede di formazione professionale) sono ubicate alcune classi di scuole superiori. L’intestazione al pictor optimus Mariano Piervittori è giustificata dalle tante sue opere presenti a Perugia. 

2 La vista da sopra-2Pensiamo solo agli affreschi al piano nobile di palazzo Baldeschi al Corso, alla Cappella dell’Arciprete nella cattedrale di S. Lorenzo, ai disegni per gli stucchi e le decorazioni pittoriche del “plafond”  della bocca d’opera e dell’atrio del teatro Accademia del Verzaro (oggi Teatro Francesco Morlacchi). La sua opera più nota è probabilmente il sipario storico del Morlacchi che racconta il “Ritorno di Biordo Michelotti vincitore a Perugia” (foto in gallery). L’intestazione a Piervittori risale all’epoca in cui sedeva in Commissione Toponomastica l’indimenticabile Lodovico Scaramucci, intellettuale di rango.

Tornando alle scalette recuperate, esse erano ridotte all’ecce homo. Tanto che ci passavano solo, a proprio rischio, coloro1 Il pianerottolo terminale-2 che non potevano farne a meno. Le pedate come buche profonde, e le alzate sbriciolate, facevano sì che quel luogo fosse diventato un vero dirupo. Giusto, sebbene tardivo, l’attuale intervento che procede in due fasi. Per non chiudere, si agisce su una metà della scala, opportunamente divisa da un corrimano tubolare metallico che impedisce scapicolli. Si mette il prefabbricato in cemento del terminale e si colma la buca. Terminato il lavoro su un lato, si procederà nella parte restante. Non c’è che da plaudire a un’operazione indispensabile, di cui si è finalmente compresa l’urgenza. Come si dice: meglio tardi… che mai. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quella scalinata impraticabile di via Piervittori sta tornando a nuova vita. Merito del Comune

PerugiaToday è in caricamento